Currently set to Index
Currently set to Follow
sabato 26 settembre - Aggiornato alle 00:43

Perugia, condannata l’ex capo della omicidi Napoleoni e altri cinque

Tre anni e tre mesi alla super poliziotta per accesso abusivo al sistema informatico. La difesa annuncia ricorso in appello

Monica Napoleoni

di Chia.Fa. e Iv.Por.

Condannata a tre anni e tre mesi l’ex capo della sezione omicidi della squadra mobile di Perugia. Questa la sentenza emessa, dopo cinque ore di camera di consiglio, dal collegio penale del tribunale di Perugia (presidente Roberti, a latere Cavedoni e Sconocchia) a carico del sostituto commissario Monica Napoleoni per accesso abusivo al sistema informatico risalente alla fine del 2012 quando l’investigatrice della polizia di Stato avrebbe utilizzato il proprio potere di pubblico ufficiale per avviare accertamenti arbitrari su una psicologa.

Condannata l’ex capo della omicidi L’avvocato Nicola Di Mario, che la difende nel processo, attende di leggere le motivazioni della sentenza, ma annuncia già ricorso in appello. Il legale rappresenta anche Lorena Zugarini, collega della Napoleoni, che è stata condannata a tre anni e due mesi anche lei per accesso abusivo al sistema informatico interforze, mentre pena più lieve, ossia di un anno, per un’altra poliziotta Stefania Squarta difesa dall’avvocato Francesco Maresca: «Sono state applicate pene più basse di quelle richieste dal pm (Giuseppe Petrazzini, ndr), ma impugneremo la pronuncia». Nella sentenza i giudici hanno condannato altre tre persone, con pene sospese che variano da un anno e tre mesi a 6 mesi e 15 giorni, mentre sono stati assolti altri tre. Alla parte civile, ossia la psicologa, rappresentata dall’avvocato Valeriano Tascini, è stata riconosciuta una provvisionale di 10 mila e di 5 mila euro per una delle due figlie.

@chilodice

I commenti sono chiusi.