lunedì 18 febbraio - Aggiornato alle 03:06

Perugia, banale lite tra due immigrati trasformata in una rivolta «per il cibo e i vestiti non firmati»

L'ostello Spagnoli

di Daniele Bovi

Una banale lite tra due stranieri, nigeriani, trasformata in una specie di rivolta da slum di Lagos. Una non notizia che invece lo diventa, se protagonisti sono gli immigrati, gonfiandosi fino a trasformarsi nell’uragano generato da un lontano, lontanissimo, battito di ali di farfalla. Sono le 9.30 di domenica mattina a Perugia, all’ostello Spagnoli, dove sono ospitati circa 30 immigrati (una ventina di pachistani e dieci nigeriani), dei quali si occupa Arcisolidarietà Ora d’aria: ad un certo punto scoppia una lite tra due ventenni nigeriani, probabilmente causata da qualche piccolo problema legato alla forzata convivenza. Gli animi si scaldano e allora parte una telefonata diretta alla vicina questura: a farla, assicurano i responsabili della struttura, non è stato lo staff dell’ostello bensì, probabilmente, qualche altro ospite spaventato dalle urla. Quando la volante arriva sul posto gli animi si sono già calmati: i due ventenni si sono chiariti e hanno promesso di non disturbare più le altre persone.

MAGIONE, IL CASO DELLA «TABACCHERIA PER I PROFUGHI»

La ‘rivolta’ Fin qui i fatti che prima dell’ora di pranzo su un giornale online locale sono stati trasformati in una protesta di massa («immigrati in strada») a causa «del cibo e per i capi “non firmati”» (cibo che viene comprato direttamente dagli immigrati, che poi lo cucinano come vogliono). Insomma, ce n’è abbastanza per aizzare le persone che leggono e infatti, dopo che la ‘notizia’ viene parzialmente ripresa anche da un’altra testata online locale, come di consueto giungono auguri di morte, di affondare sui barconi insieme a mogli e figli, proposte di bruciare l’ostello con tutti dentro; il tutto corredato dalle solite immagini di Hitler e Mussolini che promettono di far piazza pulita.

Interviene l’assessore Insomma, il classico repertorio dell’odiatore medio, tanto che anche l’assessore comunale alle Politiche sociali, Edi Cicchi, si vede costretta a intervenire con un post su Facebook: «Stamattina due persone hanno avuto un banale litigio e le forze dell’ordine preventivamente sono state allertate! Attenzione ai giornalisti e alla deprecabile strumentalizzazione politica. Tutto funziona! Tutto in ordine!». Nel corso del pomeriggio poi la notizia è stata ripresa anche da Il Giornale che fu di Indro Montanelli («Perugia, i rifugiati bocciano menù e vestiario donato»), articolo sormontato da un banner dove si promuove un libro sull’«Isis segreto» e dove un inquietante tagliagole guarda il lettore.

Twitter @DanieleBovi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.