martedì 23 luglio - Aggiornato alle 20:50

Palestra Fiamme oro alla Scuola di polizia, Gabrielli: «Recuperare senso di comunità»

Premiati gli studenti vincitori del concorso Pretendiamo legalità. Nuove rassicurazioni sul commissariato

Il capo della polizia Franco Gabrielli

di Chia.Fa.

«Dobbiamo recuperare tutti il senso profondo di comunità, tenendo in considerazione che l’individualismo fine a se stesso non è la migliore ricetta per traguardare il futuro». Questo il messaggio ai giovani del capo della polizia di Stato Franco Gabrielli tornato, per la terza volta in otto mesi, alla Scuola di formazione per sovrintendenti di Spoleto «per due momenti ai quali tengo e teniamo tutti molto». Nell’impianto sportivo di viale Trento e Trieste, martedì mattina, coi campioni olimpici Valentina Vezzali e Roberto Cammarelle, è stata inaugurata la 26esima sezione giovanile delle Fiamme oro per le discipline del pugilato e del karate. Dopodiché si è proceduto alla premiazione degli studenti vincitori del concorso Prentendiamo legalità: a scuola col commissario Mascherpa, che ha portato nella palestra della Scuola di polizia quasi 200 studenti di Messina, Pordenone, Piacenza, Foggia e Napoli.

FOTOGALLERY
VIDEO 

Scuola di polizia e commissariato Sulle sorti della Scuola di polizia, Gabrielli è tornato a rassicurare, come fatto nel marzo scorso, «perché – ha detto – se sono spesso qua vuol dire che non è un istituto destinato a chiudere o ad avere un ruolo marginale». Sul tavolo c’è ormai da dieci anni anche il trasferimento del commissariato, che ora prende posto di fronte alla Scuola di polizia, in uno stabile gravato da sfratto e con barriere architettoniche: «Stiamo lavorando – ha detto Gabrielli – affinché anche il commissariato di Spoleto abbia una sua collocazione, possibilmente all’interno della Scuola e anche da questo punto di vista credo che daremo risposte perché questo territorio merita l’attenzione che siamo chiamati a garantire».

Sport e scuola  Ma la giornata, cui hanno partecipato i prefetti Claudio Sgaraglia e Paolo De Biagi, oltreché i questori Antonino Messineo e Mario Finocchiaro, era interamente dedicata ai più giovani, non solo coi gruppi giovanili delle Fiamme oro «che sono – ha detto Gabrielli –  una modalità con cui riusciamo a riaffermare i nostri valori, intercettando giovani, anche in aree complicate del paese, ragazzi che vogliono trovare percorsi alternativi alla noia, all’abbandono, alla non considerazione». Premiati, infatti, quasi 200 studenti provenienti da cinque province italiane e vincitori del concorso del Miur e della Polizia di Stato, che per diffondere la cultura della legalità da due anni sono aiutati dal commissario Mascherpa. A vincere il concorso per le arti figurative sul tema delle regole la scuola primaria San Ciro di Foggia e la parigrado Padrea Angelo Buodo di Pravisdomini (Pordenone). Premiati anche gli studenti delle scuole medie Pirandello di Patti (Messina) e Italo Calvino di Piacenza con la graphic novel sulle scelte giuste, sezione per cui sono stati premiate anche i liceali del Perugini di Foggia. La categoria Cinetv, sempre sulle scelte giuste, è stato assegnato all’istituto comprensivo Granano 3 (Napoli).

I commenti sono chiusi.