domenica 17 febbraio - Aggiornato alle 19:12

Terni, dal soffitto di Rianimazione schizza giù la punta di un trapano: paziente sfiorato

Un operaio stava forando il pavimento del piano soprastante, Fratini: «Siamo dispiaciuti, ma solo un po’ di spavento»

©Fabrizio Troccoli

Nella stanza di ospedale dal soffitto schizza giù la punta di un trapano. Incidente sabato mattina all’ospedale di Terni dove, fortunatamente solo di rimbalzo e senza riportare lesioni, un paziente è stato «sfiorato di rimbalzo» dalla punta del trapano piombata nella stanza di degenza del reparto di Rianimazione. Secondo quanto spiegato da una nota del Santa Maria, nella stanza soprastante erano in corso «i lavori di realizzazione della sala ibrida» e, più precisamente,  «un operaio stava forando il pavimento dove sarà allestito il nuovo agiografo».

Dal soffitto schizza giù la punta di un trapano Durante l’intervento è stato trapassato il rivestimento, si è forato anche il soffitto soprastante e, infine, la punta del trapano è piombata nella stanza di Rianimazione, sfiorando di rimbalzo il paziente. Dalla direzione dell’ospedale di Terni spiegano che «il direttore dei lavori e il responsabile della sicurezza dell’Azienda ospedaliera di Terni, prontamente intervenuti, stanno analizzando la dinamica dei fatti, che a una prima valutazione risultano caratterizzati da tratti di elevata accidentalità, e stanno definendo tutte le misure finalizzate alla tempestiva ripresa dei lavori in completa sicurezza». A parlare dopo il fatto il direttore sanitario Sandro Fratini che, riconoscendo «un po’ di spavento nel reparto» ha poi spiegato che il «fatto non ha causato danni né al paziente né agli operatori che lo assistevano. Siamo fortemente dispiaciuti per questo inconveniente durante i lavori, soprattutto perché sappiamo quanto impegno è stato messo da parte di tutti per ridurre al minimo i disagi per i pazienti, in un ospedale dove insistono ancora quattro cantieri attivi che non possono essere fermati e che devono proseguire unitamente alla regolare attività assistenziale».

I commenti sono chiusi.