giovedì 2 luglio - Aggiornato alle 08:05

Omicidio di Fontivegge, condannato a 15 anni l’assassino

Nel settembre 2018 Saber Zouaoui, 29 anni, uccise con una coltellata Mohamed Wertani, 33 anni. Il difensore ha già annunciato appello

Il luogo dell'omicidio del 23 settembre 2018 a Fontivegge (foto F.Troccoli)

di Chiara Fabrizi

Condannato a 15 anni di carcere per l’omicidio di Mohamed Wertani, 33 anni. Questa la decisione del gup del tribunale di Perugia, Piercarlo Frabotta, che lunedì mattina ha emesso la sentenza a carico di Saber Zouaoui, 29 anni, per il delitto del 23 settembre 2018 nel parcheggio davanti al centro di smistamento delle Poste tra Fontivegge e Case Bruciate.

Condannato a 15 anni Per il giovane di nazionalità tunisina il pm Mario Formisano, nell’ambito del processo con rito abbreviato, aveva chiesto una condanna a 16 anni al termine della requisitoria con cui ha ricostruito quanto accaduto quel sabato notte, quando la vittima e un amico si sono presentati sotto casa di Zouaoui per acquistare droga, che però il giovane pusher quella sera non aveva. Zouaoui,  in Italia da più di dieci anni e con precedenti per spaccio, dopo l’uccisione del connazionale si era allontanato facendo perdere le proprie tracce per qualche ora finché non è stato rintracciato dalla squadra mobile in un appartamento di un connazionale in via della Pescara.

PARLA LA GUARDIA AGGREDITA: «LA SERA SONO LORO I PADRONI»

Appello Dietro al delitto di via Mario Angeloni, questo è emerso, c’era l’acquisto di una dose di cocaina che la vittima, quella sera ubriaca, e l’amico volevano comprare da Zouaoui, che era in casa con la moglie e i tre figli. Sotto l’abitazione hanno gridato più e più volte per far scendere il giovane pusher con la droga, ma alla fine il 29enne è arrivato con un coltello da 28 centimetri, poi rinvenuto in una cabina telefonica di via della Pescara, e ha ucciso Wertani. In base al racconto dell’amico che ha assistito all’omicidio, Zouaoui avrebbe anche sputato più volte sul corpo della vittima. La sentenza del giudice è arrivata lunedì mattina con il difensore, l’avvocato Vincenzo Bochicchio, che in attesa delle motivazioni ha già annunciato appello.

@chilodice

I commenti sono chiusi.