Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 25 ottobre - Aggiornato alle 12:29

Mistero Pecorelli: l’imprenditore dato per morto in Albania rientra naufrago con un gommone

Si era detto che fosse stato bruciato in un’auto. Ora però l’ex arbitro è pronto a raccontare le sue sventure ai pm di Perugia

L’ex arbitro di Sansepolcro Davide Pecorelli, dato per ammazzato in Albania in una Skoda Fabia data alle fiamme, è vivo ed è naufragato al porto di Livorno. L’imprenditore è pronto a raccontare la sua vicenda ai magistrati della Procura della Repubblica di Perugia che nei mesi scorsi avevano aperto un fascicolo per omicidio volontario e traffico di droga in seguito alla denuncia dei familiari che risiedono tra Selci Lama, una frazione di San Giustino, e Città di Castello. La notizia viene riportata nelle pagine di cronaca de La Nazione. Del 45enne, che si era recato in Albania per affari di lavoro, si erano perse le tracce dal 6 gennaio. L’auto che aveva noleggiato all’aeroporto di Tirana era stata ritrovata bruciata in una località sperduta poco lontano dalla città di Puke. Otto mesi dopo il colpo di scena con la notizia del suo naufragio a bordo di un gommone al largo di Livorno.

I commenti sono chiusi.