Currently set to Index
Currently set to Follow
sabato 8 agosto - Aggiornato alle 19:21

Migranti arrivati in Umbria si allontanano dalle strutture: tutti negativi al sierologico

Una cinquantina nella regione distribuiti metà alla Caritas e metà all’Arci. Sono tutti tunisini

Controlli dopo uno sbarco

I migranti giunti sabato sera in Umbria, dopo gli sbarchi in Sicilia si sono allontanati dalle strutture che li hanno accolti, tranne poche unità rimaste. Si tratta di 50 tunisini, 20 dei quali ospitati dalla Caritas San Martino di Terni, altri 5 dalla Caritas di Perugia e gli altri 25 dalle strutture Arci di Rivotorto di Assisi. In 19 si sarebbero allontanati dalla struttura ternana, altrettanti da quella di Assisi, due dei quali sono stati recuperati dalle forze dell’ordine. Sono tutti risultati negativi ai test sierologici per il Covid.

Approfondimento Si tratta di tunisini di cui è nota la tendenza ad allontanarsi dalle strutture di accoglienza per raggiungere propri contatti. Per la maggior parte di loro anche all’estero, in Francia come in Germania e in altre nazioni. Accade in Umbria come nelle altre regioni italiane e, di questo, sono a conoscenza sia le forze dell’ordine che le strutture che li ospitano come i funzionari addetti alle procedure. Sono state eseguite tutte le procedure per la prima accoglienza, compresa la mediazione linguistica, attraverso cui, in lingua araba, è stato spiegato loro l’obbligo di dovere rigorosamente rimanere in quarantena preventiva. Per gli ospiti della struttura assisana – apprende Umbria24 – erano stati già programmati anche i tamponi. Una forma cautelativa ulteriore che si aggiunge al test sierologico e che vale a verificare se, in fase di viaggio, abbiano potuto contrarre il virus. Da quanto riferito dalla prefettura di Terni sono in corso i controlli nel tentativo di ricondurli nelle strutture. Dalla struttura di Assisi l’allontanamento è avvenuto circa alle due di notte, mentre l’accoglienza è avvenuta tra le 18 e le 19 di sabato. Gli operatori presenti nella struttura hanno provato a convincere gli ospitati a non allontanarsi e ad attenersi agli obblighi impartiti. Ma, in maniera composta, si sono allontanati volontariamente. In tempo reale sono state informate le forze dell’ordine di quanto accaduto. I soggetti ospitati non sono in regime di restrizione.

I commenti sono chiusi.