lunedì 17 dicembre - Aggiornato alle 20:31

Terni, migrante 31enne muore travolto in bici: «Era un esempio di integrazione»

Yoro, 31 anni, senegalese ha perso la vita a Eboli dove era andato per festeggiare la Protezione internazionale appena ricevuta

(foto archivio)

Travolto in bici a Eboli, muore senegalese trentunenne residente a Terni. E’ direttamente la Caritas diocesana, con l’associazione San Martino, a rendere noto che il migrante morto sulla strada il primo agosto si chiamava Yoro e viveva da un paio di anni in città, dove era diventato «un esempio di integrazione». Il trentunenne era andato a Eboli per festeggiare con alcuni conoscenti il permesso di Protezione internazionale che aveva appena ottenuto quando è stato tamponato da una giovane farmacista residente in zona, che ha subito chiamato i soccorsi purtroppo vani. Addolorati i volontari della Caritas e di San Martino che hanno voluto ricordare «il ragazzo senegalese, cordiale e volenteroso, ospitato a Terni nell’ambito dei progetti Sprar dal 2016, al termine del quale aveva frequentato un corso di formazione in orticoltura con interesse e volontà e si arrangiava con i piccoli lavori saltuari che trovava, riuscendo a stringere anche relazioni di amicizia e di reciproca fiducia con chi gli offriva aiuto». Yoro era un generoso e spesso «si rendeva utile a svolgere attività di volontariato all’interno dell’associazione che lo ospitava ed è sempre disponibile verso il prossimo. Vogliamo ricordarlo con il sorriso con il quale aveva affrontato tutte le difficoltà, sperando che il suo sorriso e la sua speranza illumini il nostro cammino e sia di esempio agli immigrati che sono e vengono nel nostro Paese».

 

I commenti sono chiusi.