Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 1 marzo - Aggiornato alle 23:33

«Mi ha rapinato col coltello ed è scappato col marsupio»: è una bugia e viene denunciato

Fantomatico bottino ritrovato poche ore dopo a oltre 350 km di distanza e il camionista a quel punto sostiene di averlo perso

Un'auto della polizia stradale (foto F.Troccoli)

Denuncia di aver subito una rapina, ma poi quando il marsupio viene ritrovato sostiene che lo ha smarrito. E’ stato denunciato per simulazione di reato il camionista quarantenne che alcuni giorni fa si è presentato in una stazione dei carabinieri in provincia di Napoli sostenendo che un uomo in un’area di servizio lungo la A30 Salerno-Caserta gli aveva puntato un coltello e portato via il marsupio. L’autotrasportato ai militari dell’Arma ha anche fornito la marca, il modello e il colore dell’automobile su cui sarebbe fuggito dopo il colpo il fantomatico rapinatore. L’indomani, però, gli uomini della polizia stradale di Orvieto, lungo l’A1, hanno ritrovato il marsupio in un’area di servizio. Gli accertamenti successivi hanno fatto spuntare la denuncia per rapina, che ha destato più di un sospetto dato che tra la segnalazione ai carabinieri e il ritrovamento erano trascorse appena 24 ore e almeno 350 chilometri, quelli che separano il tratto di A1 in zona Orvieto e l’imbocco dell’A30. Il camionista, dopo aver appreso del rinvenimento del suo marsupio, ha chiamato gli uffici della Polstrada per avere indicazioni di come poterne rientrare in possesso, affermandodi averlo perso nell’area di servizio dove era stato ritrovato senza accennare minimamente invece alla denunciata rapina.

I commenti sono chiusi.