venerdì 23 agosto - Aggiornato alle 11:58

Meredith, un altro detenuto: «So chi l’ha uccisa: Amanda, Raffaele e Rudy sono innocenti»

Sostiene di aver scritto una lettera ad Amanda Knox e alla Procura generale di Perugia in cui avrebbe indicato i nomi del mandante e degli esecutori materiali del delitto di Meredith Kercher

Amanda Knox (Foto F.Troccoli)

Sostiene di aver scritto una lettera ad Amanda Knox e alla Procura generale di Perugia in cui avrebbe indicato i nomi del mandante e degli esecutori materiali del delitto di Meredith Kercher. E’ un altro detenuto a rimescolare le carte del caso dai risvolti infiniti. Sarà l’ennesimo mitomane?

Alla vigilia di una nuova udienza del processo di Appello ad Amanda Knox e Raffaele Sollecito per l’omicidio della studentessa inglese, una missiva scritta a mano e’ stata recapitata agli avvocati delle difese Knox e Sollecito da un detenuto. Nella lettera viene citato un presunto debito di droga che sarebbe all’origine di un delitto su commissione, scagionando quindi sia Amanda e Raffaele, condannati in primo grado a 25 e 24 anni di carcere, che Rudy Hermann Guede, condannato in via definitiva a 16 anni di reclusione.

Al Tgcom, l’avvocato Luca Maori, legale di Raffaele Sollecito, ha commentato: «Ne prendiamo atto, ma saranno i giudici a valutare l’attendibilità dello scritto. Noi confidiamo invece negli esami e nelle nuove perizie scientifiche, che sono molto importanti».

In passato altri detenuti avevano sostenuto di conoscere la verità sul delitto. A tal proposito la squadra mobile di Perugia ha perquisito la cella di Luciano Aviello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.