Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 19 gennaio - Aggiornato alle 20:26
Tk-Ast (foto F.Troccoli)

Maxi furto di ferro in Ast: saranno trascritte 43 intercettazioni

Ancora un imputato in attesa di giudizio per Acciaio d’oro: consegnati cd e brogliacci di polizia giudiziaria

di Marta Rosati

Raffica di udienze ravvicinate per passaggi tecnici, nell’ambito del processo ‘Acciaio d’oro’ che, al netto di patteggiamenti e ammissioni alla prova, vede ancora un imputato in attesa di giudizio.

Acciaio d’oro Si tratta di C.C., classe 1972, difeso dall’avvocato Francesco Mattiangeli del Foro di Terni, accusato di furto aggravato in concorso, quale promotore e organizzatore della sottrazione di materiale ferroso dal Centro di finitura di Acciai speciali Terni, al fine di trarre profitto dalla successiva vendita della stessa merce asportata. Si tratta di fatti risalenti agli anni 2014 e 2015 sui quali ha indagato l’allora Corpo forestale dello Stato. Dopo l’ok della scorsa settimana alla trascrizione delle intercettazioni, martedì l’incarico è stato formalmente assegnato al perito, Rosa Letizia Farini che ha formulato il giuramento di rito davanti al giudice Elisa Fornaro.

Trascrizione per 43 intercettazioni In aula presente, tra gli altri, il pm Giulia Bisello, titolare del fascicolo, che ha consegnato al perito i brogliacci di polizia giudiziaria per facilitare il lavoro di individuazione dei soggetti intercettati e i cd contenenti le registrazioni. Si tratta, è stato spiegato, di 43 conversazioni telefoniche, tutte in lingua italiana e in assenza di dialetti di difficile comprensione, ragione per cui la Farini non ha richiesto ausiliari e impiegherà sessanta giorni per portare a termine il lavoro. Altre due, dunque, le udienze già calendarizzate per i prossimi mesi: quella per la consegna delle trascrizioni a febbraio, nella settimana di San Valentino, e quella per la discussione dei fatti il mese successivo.

I commenti sono chiusi.