mercoledì 21 novembre - Aggiornato alle 19:02

Foligno, è morto il vescovo emerito Arduino Bertoldo. Celebri le sue invettive su Pontifex

Si è spento all'età di 79 anni il presule che per 16 anni ha guidato la comunità diocesana di Foligno

Monsignore Arduino Bertoldo

di Chia.Fa.

Monsignore Arduino Bertoldo, vescovo di Foligno dal 1992 al 2008, si è spento mercoledì notte in un letto dell’ospedale di Vicenza, all’età di 79 anni. Al profondo cordoglio degli arcivescovi e dei vescovi dell’Umbria e della comunità di fedeli si aggiunge anche quello delle istituzioni. La notorietà del presule, però, era andata ben oltre i confini dell’Umbria. Sì, perché dopo il ministero episcopale monsignore Bertoldo si era reso famoso grazie a una serie di invettive, regolarmente pubblicate dal sito ultracattolico Pontifex, che non hanno mancato di far discutere l’opinione pubblica italiana.

Il cordoglio Le condizioni di salute del presule, originario di Isola Vicentina dove era tornato a vivere da qualche anno, si erano particolarmente aggravate lunedì scorso, tanto che monsignore Gualtiero Sigismondi, vescovo di Foligno, aveva invitato i fedeli della comunità diocesana a pregare per la vita di monsignore Bertoldo. Nella tarda notte di mercoledì, però, l’alto prelato, ricoverato da giorni nell’ospedale di Vicenza, si è spento suscitando commozione e profondo cordoglio tra i vescovi e gli arcivescovi dell’Umbria.

Mismetti: «Una figura importante per la città» La scomparsa del presule ha colpito anche le istituzioni comunali e regionali. Ad esprimere per cordoglio, a nome di tutta l’amministrazione di Foligno, è il sindaco Nando Mismetti. «I sentimenti di profondo cordoglio per la scomparsa del vescovo che aveva guidato la diocesi folignate dal 1992 al 2008 mostrano grande attaccamento alla città e particolare impegno nella sua guida pastorale. Ricordo il suo fattivo contributo durante il periodo dell’emergenza successiva al sisma in cui aveva dato il suo apporto mostrando particolari doti umane nell’alleviare le difficoltà della popolazione, colpita dal terremoto. Scompare una figura importante che ha dato tanto alla città».

Brega : «Vicino alla gente nel terribile sisma» A voler ricordare il presule è anche il presidente del Consiglio regionale Eros Brega. «Monsignor Arduino Bertoldo sarà ricordato soprattutto per la vicinanza e la cordialità verso la sua gente, verso una realtà frastornata dal terribile terremoto del 1997, ed è stato ancora lui ad accompagnare la città nella fase della ricostruzione. Nei 16 anni di episcopato (1992-2008 ndr) – ricorda Brega – monsignor Bertoldo ha sempre avuto un rapporto franco e di collaborazione con le istituzioni locali, dando vita ad una sinergia di altissimo profilo sociale».

Il personaggio Ad esprimere cordoglio è anche la redazione del sito ultracattolico Pontifex che in questi ultimi anni ha puntualmente pubblicato le tante invettive di monsignore Arduino Bertoldo. Parole, quelle del prelato, raramente passate inosservate. In tal senso vale la pena ricordare le dichiarazioni che il presule rilasciò nel pieno del Rubygate scatenando le ire delle società civile: «Berlusconi nel peccato non offende natura, Vendola sì». Così come non mancò di animare il dibattito pubblico il commento dell’alto prelato all’alto numero di violenze sessuali: «Donne violentate? Indurre in tentazione è peccato». Mentre è decisamente più recente l’attacco al comico genovese Maurizio Crozza: «Quando sarà vecchio e prima di salutare questa vita o sarà ammalato, si ricorderà che un giorno aveva insultato il Papa».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.