venerdì 26 aprile - Aggiornato alle 18:05

«Intitoliamo un parco di Terni al giovane David Raggi ucciso in piazza dell’Olmo»

Fiorini porta la proposta da Radio Passeggiata a Palazzo Spada: gruppo Misto e poi l’intero consiglio sottoscrivono

 

Nella foto David Raggi e la poesia affissa su un albero di piazza dell'Olmo

Giovedì pomeriggio, in consiglio comunale, il consigliere Emanuele Fiorini ha proposto un atto sottoscritto anche dai colleghi Valeria D’Acunzo e Federico Brizi del Gruppo misto e a seguire da tutte le altre forze politiche per intitolare la nuova rotatoria in corso di realizzazione all’incrocio tra viale Trento e viale Trieste o un parco della città di Terni a David Raggi. Giorni fa l’ex leghista aveva lanciato l’idea dai microfoni di Radio Passeggiata intervenendo nello spazio ‘Sdremmarina’ curato dai satiristi ternani dell’omonima pagina Facebook.

Omicidio David Raggi Era il 12 marzo 2015 quando David fu assassinato senza motivo da Amin Assoul detto Aziz: «Quel fatto – ha detto Fiorini in web radio – ha cambiato per sempre la nostra città». La notizia della morte di David, conosciuto da tutti come l’amico degli amici, l’uomo generoso dai consigli preziosi, gli occhi sinceri e il sorriso contagioso, sconvolse immediatamente l’intera Umbria. Di lì a poco scattò la petizione perché piazza dell’Olmo portasse il nome della vittima ma la burocrazia e le leggi in vigore in materia hanno sempre ostacolato l’azione. Ora la massima assise cittadina ci riprova; l’atto presentato dal gruppo Misto è stato sottoscritto da tutte le forze politiche.

Terni «La fedina penale dell’aggressore – afferma Fiorini, primo firmatario dell’atto – non era cristallina già prima dell’uccisione di David. Inoltre alla famiglia è spettato solo un indennizzo di 21.000 euro, sulla base della legge per le vittime di reati internazionali violenti. David si è impegnato nella nostra comunità, nella quale è stato attivo come volontario del Soccorso 118 di Terni. Il suo spirito è rappresentativo della parte migliore della città e vorrei che il suo ricordo fosse sempre vivo fra i cittadini di Terni e, in particolare, fra la nostra gioventù. Ritengo, quindi – conclude il consigliere comunale – che sia doveroso valorizzare la sua figura intitolandogli la nuova rotatoria in corso di realizzazione all’incrocio tra viale Trento e viale Trieste o un parco della nostra città e oggi ho avanzato questa richiesta al sindaco e alla giunta, insieme ai miei colleghi del gruppo misto Valeria D’Acunzo e Federico Brizi».

I commenti sono chiusi.