lunedì 25 maggio - Aggiornato alle 02:24

Inchiesta Gesenu, interdittiva antimafia anche per la Gest: verso commissariamento

Porta a porta in centro a Perugia

di Francesca Marruco e Ivano Porfiri

All’inizio il pericolo di infiltrazioni mafiose per il gruppo Gesenu sembrava riguardare solo gli affari siciliani. Poi l’onda nera dei sospetti si è allargata a macchia d’olio: non solo la capogruppo, la Tsa e il braccio sardo della Ecoimpianti. Ora l’interdittiva antimafia, firmata dal prefetto di Perugia Antonella De Miro, viene recapitata anche alla Gest srl. Un provvedimento preventivo che giunge però alla luce delle inchieste sul gruppo Gesenu. Sia quella di Catania che, soprattutto, quella della Dda perugina sulla gestione e lo smaltimento dei rifiuti.

LE PRIME PERQUISIZIONI DELL’INDAGINE

Chi è Gest La Gest srl, con sede legale in via della Molinella, 7 a Ponte Rio di Perugia, si è aggiudicata nel 2008 la gara europea per la concessione di 15 anni (fino al 2024) del ciclo integrato dei rifiuti per l’Ati 2 della Regione Umbria (Trasimeno – Perugino – Marscianese – Tuderte), che comprende 24 comuni della Provincia di Perugia.Gest opera attraverso i quattro soci (Gesenu 70%, Tsa 18%, Sia ed Ecocave 6%). Il bacino di utenza complessivo è di 375.839 abitanti. Nel dettaglio, i servizi sono iniziati il 1 gennaio 2010 in 21 comuni: Perugia, Todi, Bastia Umbra, Bettona, Torgiano, Valfabbrica, Collazzone, Deruta, Fratta Todina, Marsciano, Montecastello di Vibio, San Venanzo, Castiglione del Lago, Città della Pieve, Corciano, Magione, Paciano, Panicale, Passignano sul Trasimeno, Piegaro, Tuoro sul Trasimeno. Nei comuni di Cannara e Massa Martana i servizi di igiene urbana sono stati avviati il 1 marzo 2011, a seguito della firma del contratto di servizio. Nel comune di Assisi a giugno 2012.

In arrivo il commissario Amministratore unico della Gest srl è Silvio Gentile, che riveste anche il ruolo di amministratore delegato di Gesenu. Così come per tutte le altre aziende del gruppo colpite dall’interdittiva prefettizia, anche per Gest è più che probabile la nomina a giorni di un commissario per la gestione degli appalti in essere, che non subiranno variazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.