Currently set to Index
Currently set to Follow
domenica 29 gennaio - Aggiornato alle 17:29

Brucia capannone di Umbertide col tetto di eternit, ordinanza del sindaco: «Tenete chiuse le finestre»

Procura apre fascicolo contro ignoti per incendio colposo: ipotesi cortocircuito. Due aziende inagibili. Cosa non si può fare

Incendio capannone Umbertide (foto concessa da Informazione locale)

di Chiara Fabrizi

La Procura di Perugia ha aperto un fascicolo per incendio colposo, per ora contro ignoti, sul rogo che ha reso inagibile un capannone di via Rodolfo Morandi a Umbertide con il tetto in eternit.

 «Tenete chiuse le finestre» In questo senso, nel tardo pomeriggio, recependo le indicazioni della Usl 1, il sindaco Luca Carizia ha firmato un’ordinanza che nel raggio di un chilometro dall’incendio prevede di tenere chiuse le finestre in caso di fumi persistenti e maleodoranti fino ad accertamenti; limitare le attività all’aperto, con particolare riguardo a quelle di natura ludico sportiva; divieto di consumo dei prodotti coltivati nell’area individuata, da parte dei soggetti più a rischio, come bambini, donne in gravidanza e in allattamento ;è consentito il consumo di prodotti alimentari coltivati solo dopo accurato lavaggio con acqua, associato a strofinazione delle superfici e, ove possibile, alla rimozione del rivestimento superficiale mediante spellatura o sbucciatura;  divieto di raccolta e consumo di funghi epigei spontanei; e divieto di pascolo e razzolamento degli animali da cortile.

Brucia capannone di Umbertide col tetto di eternit  Secondo quanto emerge l’incendio di Umbertide, che è stato spento intorno alle 15.30, sarebbe divampato per cause di natura accidentale. Il cortocircuito avrebbe interessato il magazzino di un’azienda che produce materiale antinfortunistico e si è poi propagata all’impresa vicina, che invece ripara e vende mezzi agricolo. Le fiamme, poi, non hanno risparmiato il piano superiore, in cui prende posto l’abitazione del titolare della prima azienda. L’immobile, in base a quanto viene riferito, ha subito danni molto ingenti ed è stato per ora dichiarato inagibile. Sul posto sono anche intervenuti i tecnici dell’Arpa che hanno avviato i rilievi del caso per stabilire l’impatto dell’incendio sull’ambiente.

I commenti sono chiusi.