venerdì 6 dicembre - Aggiornato alle 12:43

Gara di solidarietà per aiutare mamma Deborah a combattere il tumore al seno

Come Pamela di Montefalco anche lei in Israele per le visite che precedono trattamenti sperimentali molto costosi

Deborah Bonucci, 42 anni

Un tumore al seno che nessuna terapia è finora riuscito ad arrestare. Chiede aiuto alla comunità folignate, dove è nata e cresciuta, ma la chiamata alla solidarietà è come sempre senza confini, Deborah Bonucci, 42 anni, colpita dal cancro dopo la nascita della seconda figlia, che oggi ha due anni, mentre la primogenita ne ha 13. La mamma di Foligno per combattere la battaglia per la vita è volata in Israele, dove si è sottoposta a visite preliminari per trattamenti sperimentali, che come tali sono particolarmente costosi.

GARA DI SOLIDARIETà
LA PAGINA FACEBOOK

Un percorso, quello delle cure all’estero, precisamente a Tel Aviv, che ha già compiuto Pamela di Montefalco, proprio con l’aiuto della comunità locale e tantissimi altri. Lo stesso che ora purtroppo chiede anche mamma Deborah, che non conta di arretrare contro quel tumore che, per ora, neanche il protocollo sperimentale dell’Istituto europeo oncologico (Ieo) di Milano, in cui è stata inserita, è riuscito a battere. Il cancro progredisce, con le metastasi che hanno aggredito i polmoni della quarantaduenne di Sant’Eraclio, mamma di due figli. Lei coraggiosamente non si arrende, ma ha bisogno di sostegno economico per tornare in Israele e tentare di percorrere cure estremamente sperimentali. Con lei, domenica mattina, a 19 ore dall’avvio della raccolta fondi, si erano già schierati quasi 140 donatori per oltre 6 mila euro donati.

I commenti sono chiusi.