Currently set to Index
Currently set to Follow
venerdì 23 ottobre - Aggiornato alle 13:38

È morto Giorgio Pisinicca pescatore simbolo del Trasimeno: «Per lui il lago non aveva segreti»

Lutto a Magione per la scomparsa del 78enne che non usciva mai solo in barca e ha preparato la quarto generazione

Giorgio Pisinicca

E’ morto Giorgio Pisinicca, storico socio della cooperativa pescatori del Trasimeno. Magione e l’intera comunità lacustre piangono lo storico pescatore, deceduto a 78 anni, tutti trascorsi nel segno della passione per la pesca e per le acque del Trasimeno, le stesse in cui aveva lavorato il papà Giuseppe, uno dei fondatori della cooperativa.

È morto Giorgio Pisinicca pescatore simbolo «Per Giorgio le reti, il lago, la pesca, erano la sua vita. Come molti del nostro paese, dopo la guerra, per necessità, andarono a lavorare in fabbrica. Ricordo che lui faceva i turni di notte così il giorno poteva aiutare il padre, già anziano a pescare, e una volta andato in pensione ha dedicato la sua vita solo a questo» ha ricordato Aurelio Cocchini, presidente della cooperativa pescatori, aggiungendo che «chi fa questo mestiere sa che alle otto ore in cui lanci e ritiri le reti ce ne sono altrettante per il lavoro a terra, ma per Giorgio non esisteva un tempo che non riguardasse la pesca: posso dire, senza paura di essere smentito, che per tutti noi lui era il pescatore più rappresentativo di questo mestiere». Per Valter Sembolini, amministratore delegato della cooperativa, Magione e la comunità lacustre perdono «anche un importante maestro per i giovani che vogliono avvicinarsi a questo mestiere. Giorgio non si fidava a uscire solo a pesca, scelta su cui forse sarebbe importante fare una riflessione, per cui le nuove leve potevano contare su un maestro che non solo aveva esperienza sulle tecniche di pesca ma che conosceva benissimo il lago, i luoghi in cui si pescava di più. Infatti era tra quelli che tornavano sempre con tantissimo pescato. Nel momento in cui abbiamo affrontato il quarto ricambio generazionale all’interno della cooperativa lui ha svolto un ruolo fondamentale nella preparazione delle nuove leve».

I commenti sono chiusi.