mercoledì 17 luglio - Aggiornato alle 06:23

Diciannove arresti per droga a Terni: uno dei capi accusa un malore davanti al giudice

Interrogatori di garanzia per l’Operazione Toner: alcuni escludono responsabilità, chiesta revisione delle misure

di Massimo Colonna

Quello che gli inquirenti ritengono sia uno dei due capi dell’organizzazione, Mohamed Mojmil, si è avvalso della facoltà di non rispondere, ammettendo comunque alcuni episodi di spaccio. Il tutto poco prima di accusare un lieve malore, che comunque non gli ha impedito di portare a termine l’interrogatorio di garanzia che si è svolto giovedì mattina nel carcere di Terni. Primo momento di confronto tra gli arrestati e il giudice dopo gli arresti delle scorse ore nell’ambito dell’Operazione Toner, messa in campo dalla procura di Terni per mezzo dell’indagine dei carabinieri del comando provinciale.

VIDEO: LA CENTRALE DELLO SPACCIO
VIDEO: “FUMO” DA MAROCCO ATTRAVERSO LA SPAGNA

Le risposte Davanti al gip, accompagnato dal suo legale Francesco Mattiangeli, Mojmil, dunque si è avvalso della facoltà di non rispondere anche se ha ammesso alcuni episodi di spaccio. Stessa decisione anche un altro degli arrestati, anch’esso di origine marocchina, il quale non ha risposto al giudice e si è inoltre professato estraneo ad ogni contesto associativo, come contestato invece dalla procura. Davanti al gip sono finiti anche i ternani finiti in manette, difesi dal legale Massimo Proietti, tra cui anche Sandro Broccucci, ritenuto a capo della parte del gruppo più radicata sul territorio. Broccucci ha risposto alle domende del gip e ha chiarito la sua posizione, in particolare sostenendo, tramite il proprio legale, che alcune delle contestazioni presentate dagli inquirenti siano da sovrapporsi a ipotesi di reato già mosse in precedenza dalla procura allo stesso Broccucci in altri procedimenti. Gli altri, a vario titolo, hanno deciso di rispondere al gip giustificando la propria posizione ed escludendo responsabilità. L’avvocato Proietti ha presentato una memoria con richiesta di sostituzione della misura cautelare per tutti i cinque assistiti.

@tulhaidetto

I commenti sono chiusi.