Currently set to Index
Currently set to Follow
martedì 7 febbraio - Aggiornato alle 11:59

Dalla finestra grida a un passante: «Aiutami, sono ostaggio del mio fidanzato». Liberata

Entrambi giovanissimi: lei liberata, lui denunciato per sequestro di persona

Sottopasso ferroviario di viale Marconi

di Chia.Fa.

Stava camminando per andare al lavoro quando dalla finestra di un condominio ha sentito una giovane gridare: «Ti prego aiutami, sono ostaggio del mio fidanzato». Si tratta dell’ennesimo episodio di violenza sulle donne, ma stavolta i protagonisti sono una coppia di giovanissimi, entrambi ventenni, lei di nazionalità americana e lui magrebino. A carico di quest’ultimo è scattata la denuncia a piede libero per sequestro di persona, ovvero della fidanzata, a cui avrebbe impedito di uscire di casa per circa 12 ore, vale a dire una serata e una nottata.

«Aiutami, sono ostaggio del mio fidanzato» I fatti si sono verificati a Spoleto, in un appartamento della zona di via Marconi, risalgono a martedì scorso, ma se n’è avuta notizia soltanto nelle ultime ore. Intorno alle 7.30 del mattino, uno spoletino stava camminando in strada quando ha visto una ragazza affacciata alla finestra, che cercava di attirare la sua attenzione. Riuscita nell’intento, la ventenne americana gli ha gridato di chiamare le autorità, perché da molte ore era ostaggio del fidanzato, che le aveva tolto anche il cellulare per impedirle di chiedere aiuto. Il passante ha quindi subito allertato le forze dell’ordine, che sono intervenute sul posto e hanno bussato alla porta dell’abitazione da cui era arrivata la richiesta di aiuto della giovane.

Lei liberata, lui denunciato All’interno hanno effettivamente trovato la coppia di giovanissimi: lei ha subito spiegato alle autorità di aver avuto una discussione col fidanzato per motivi riconducibili alla gelosia di lui. Il ragazzo, infatti, aveva reagito chiudendo dall’interno la porta di ingresso dell’appartamento e mettendosi la chiava in tasca, dopodiché le aveva tolto lo smartphone e aveva pure spento il modem di casa. Secondo il racconto dell’americana, poi, il fidanzato le aveva anche impedito fisicamente di uscire di casa, rendendo inutili i vari tentativi compiuti nel corso delle ore. Il mattino seguente, poi, approfittando di un attimo di distrazione di lui, la presunta vittima era riuscita a chiedere aiuto al primo passante avvistato dalla finestra. Il giovane è stato quindi portato in caserma dalle autorità intervenute sul posto, mentre lei è stato di fatto liberata. Trattandosi di un giovane incensurato e regolarmente presente in Italia a suo carico è scattata la denuncia a piede libero per sequestro di persona.

@chilodice

I commenti sono chiusi.