sabato 7 dicembre - Aggiornato alle 20:50

Crolla parte del tetto della chiesa del Gonfalone. Sindaco: «Sentito tonfo all’alba»

Nessun ferito nel cedimento che ha causato danni alle auto in sosta nei paraggi. Pannelli per prevenire infiltrazioni

Il crollo di parte del tetto della chiesa del Gonfalone

di C.F.

Crolla parte del tetto della chiesa della Madonna del Gonfalone. Non risultano feriti nel cedimento della copertura dell’edificio di culto a Precetto di Ferentillo dove stanno operando i vigili del fuoco, oltre alla polizia locale e ai carabinieri. La chiesa era già stata chiusa dopo il terremoto del 24 agosto 2016 a causa dei danni riportati.

FOTOGALLERY

VIDEO: L’INTERVENTO

Crolla parte del tetto della chiesa Nel crollo di martedì mattina, però, alcune auto in sosta sono state colpite da detriti e hanno riportato danni, mentre l’impalcatura intorno alla chiesa è stata in alcuni punti schiacciata dai materiali crollati. In particolare, a cedere è stata una porzione di tetto e il cornicione della chiesa, che era chiusa da tempo ed era in attesa di lavori di consolidamento.

«Sentito tonfo all’alba» Oltre ai pompieri, infatti, sul posto sono intervenuti i tecnici della Curia e anche del Comuni per tutti gli interventi del caso: «Abito a un centinaio di metri dalla chiesa – ha detto a Umbria24 il sindaco Enrico Riffelli – e stamattina intorno alle 7 ho sentito il tonfo del cedimento e sono sceso. Stiamo procedendo alla messa in sicurezza e occorrerà – dice il primo cittadino – un’ordinanza di chiusura della strada. Non è escluso che ad aggravare le condizioni della chiesa del Gonfalone sia stato anche il nubifragio delle scorse settimane, che ha provocato ingenti danni a Ferentillo».

Pannelli per prevenire infiltrazioni L’arcivescovo Renato Boccarodo, che si trova in Polonia  per un gemellaggio di fede nel nome di Santa Rita, ha raggiunto telefonicamente il parroco don Rinaldo Cesarini e il direttore dell’ufficio tecnico della Diocesi, il geometra Gian Mario Zamponi. Nel primo pomeriggio, dopo un sopralluogo, la Curia ha inoltrato alla Soprintendenza tutti i dettagli relativi alla chiesa del Gonfalone, ricostruendo i danni del sisma e gli interventi di messa in sicurezza compiuti fino al crollo di martedì mattina, a seguito del quale si è provveduto a installare provvisoriamente dei pannelli di lamiera grecata per ricoprire la porzione di tetto interessata dal cedimento, così da scongiurare infiltrazioni dovute a precipitazioni meteoriche sulla parte già compromessa della chiesa.

@chilodice

 

 

I commenti sono chiusi.