Currently set to Index
Currently set to Follow
venerdì 9 dicembre - Aggiornato alle 18:00

Cittadella giudiziaria a Perugia: «Entro cinque anni saranno finiti tutti i lavori»

Il cronoprogramma del Demanio per trasformare l’ex carcere di piazza Partigiani. Ultima consegna nel marzo 2027

©Fabrizio Troccoli

di Enzo Beretta

Con la firma della convenzione tra l’Agenzia del Demanio e il Ministero della Giustizia si entra nel vivo della progettazione della Cittadella giudiziaria di Perugia. Entro maggio verranno ultimate le attività preliminari legate alle indagini preventive archeologiche, la seconda metà dell’anno sarà dedicata alla preparazione e alla «pubblicazione del bando di gara verificatori e contratto», e all’inizio del 2023, in seguito alla verifica del progetto di fattibilità tecnico-economica, si riunirà la Conferenza dei servizi.

VIDEO: LE TELECAMERE DI UMBRIA24 ENTRANO IN ESCLUSIVA

FOTOGALLERY: VIAGGIO NEL VECCHIO CARCERE

Gare di appalto nel 2024 Partiranno le prime demolizioni (dicembre 2023-febbraio 2024) e la «progettazione definitiva unitaria» del primo e del secondo lotto (rispettivamente ex carcere femminile più Padiglione Paradiso ed ex carcere maschile) che dovrebbe essere approvata nell’ottobre 2023. Data nella quale saranno già avviate le attività preparatorie del «bando di gara appalto integrato», con la gara per l’affidamento dei lavori e contratto e la gara per l’affidamento dei servizi di collaudo che verranno ultimate entro febbraio 2024.

PODCAST: LA PUNTATA DI «ALIBI» SUI PROBLEMI DELLA GIUSTIZIA

Il cronoprogramma Secondo il cronoprogramma dell’Agenzia del Demanio – di cui Umbria24 è entrata in possesso in esclusiva – i primi quattro mesi del 2024 saranno determinanti perché entro la primavera di quell’anno si svolgerà la progettazione esecutiva con la conseguente verifica e validazione dei progetti esecutivi dell’ex carcere femminile e Padiglione Paradiso e dell’ex carcere maschile. Venti mesi di lavori per il Padiglione Paradiso, 22 per eseguire le opere al Femminile, due anni per il cosiddetto terrapieno. Per tutte le opere ci vorranno 60 giorni di collaudo, consegna in un mese.

TUTTI GLI ARTICOLI SUL PROGETTO CHE RIVOLUZIONA LA CITTÀ

Tutte le opere entro cinque anni La timeline è molto precisa: Paradiso febbraio 2026, Femminile aprile 2026, terrapieno giugno 2026. Per quanto riguarda il braccio maschile, invece, l’esecuzione dei lavori dei «nuovi volumi interclusi» con successivo collaudo e consegna all’amministrazione verrà ultimata entro gennaio 2026 ma all’incirca un anno prima – marzo 2025 – verranno svolti i lavori relativi alle «aree + muro». L’ultima opera che vedrà la luce sarà il braccio maschile: come detto si partirà nel marzo 2024 e tra tutto, sono previsti 32 mesi, con i collaudi e la consegna si arriverà a marzo 2027. Vale a dire tra 60 mesi, quindi cinque anni.

I commenti sono chiusi.