Currently set to Index
Currently set to Follow
sabato 24 ottobre - Aggiornato alle 14:03

Caso Suarez, al vaglio file inviato prima dell’esame. Da Foligno alla Juve, il contatto Cherubini

Avvocato dg UniStra: «C’è volontà e interesse a fare chiarezza». Difensore rettrice: «In aereo privato per esame almeno c’è l’aspettativa di superarlo»

Luis Suarez in macchina prima dell’esame guarda il cellulare - ©Fabrizio Troccoli- Riproduzione Riservata

Un file che sarebbe stato inviato via chat al bomber Luis Suarez prima dell’esame e che ora dovrà essere confrontato coi contenuti della prova somministrata, sostenuta e superata dal “pistolero” il 17 settembre scorso all’Università per stranieri di Perugia.

SUAREZ A PERUGIA
IL CONTESTO TRA POLITICA E RICHIESTA DIMISSIONI
CONCORSI DURANTE LO SCANDALO

File inviato prima dell’esame C’è anche un pdf al vaglio della Guardia di finanza di Perugia che, su delega della procura di Perugia, va avanti nelle indagini sul presunto esame farsa del calciatore che oggi ha lasciato Barcellona per indossare la maglia dell’Atletico Madrid. Nel mezzo c’è l’iscrizione al registro degli indagati con l’ipotesi tutta da decifrare di concorso in corruzione sia per la rettrice Giuliana Grego Bolli che per il direttore generale Simone Olivieri, ma anche le telefonate tra lo staff dello Juventus e il mondo accademico perugino e quindi umbro per far sostenere l’esame di lingua italiana livello B1 di Suarez. Nel bailamme di contatti che si stanno ricostruendo per capire come il bomber sia approdato a Perugia è finito anche il rettore dell’Università degli Studi di Perugia, Maurizio Oliviero, che sarebbe stato il primo contatto della società bianconera, dirottata subito sull’Ateneo della Stranieri.

DAL SELFIE ALLO SCANDALO
CASO SUAREZ: IRONIA SOCIAL
INTERROGAZIONE IN PARLAMENTO

Cherubini da Foligno alla Juve Oliviero ha già detto che il nome dell’interlocutore lo riferirà soltanto agli inquirenti, ma alcune fonti accreditate, oltreché alle coordinate geografiche e alle relazioni personali, convergono su Federico Cherubini nato e cresciuto a Foligno, ma oggi “Head of Football Teams and Technical areas” della Juventus. Nessuno dei due risulta indagato nel fascicolo aperto dalla procura di Perugia che in relazione all’esame di Suarez contesta a cinque indagati la falsità ideologica e la rivelazione di segreti d’ufficio in relazione ai contenuti della verifica, mentre la rettrice e il dg sono stati iscritti nel registro degli indagati anche per concorso in corruzione.

COME NASCE L’INCHIESTA
ORA CONOSCIAMO LO IUS SOLDI
CITTADINANZA, CORSA A OSTACOLI ANCHE DI OTTO ANNI
CGIL: SERVE DISCONTINUITA’

Rettrice e dg UniStra I due vertici dell’Ateneo non sono stati ancora convocati dagli inquirenti. David Brunelli, che difende Bolli, dice che: «Per ora non abbiamo chiesto di essere sentiti, anche perché non conosciamo gli atti né le dichiarazioni degli altri indagati». E sull’esame di Suarez il prof avvocato dice: «Leggo di pressioni dalla Juventus, ma se si arriva da Barcellona con un aereo privato c’è almeno l’aspettativa di superarlo l’esame, su cui sembra ci sia un filmato di 12 minuti. La rettrice – spiega poi Brunelli – è assediata dai giornalisti, ma ha l’indicazione di non parlare. Mi sembra serena relativamente ai fatti di questa vicenda, mentre la vasta eco mediatica è nuova e inusuale per lei». Analogamente neanche il direttore generale dell’Università per stranieri, Simone Olivieri, assistito dall’avvocato Francesco Falcinelli, è stato convocato in procura: «Da parte nostra c’è massima volontà e interesse alla chiarezza, perché il mio cliente rivendica la legittimità del suo operato e non ha interferito nell’esame di Suarez».

MEME ESILARANTI

I commenti sono chiusi.