Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 30 novembre - Aggiornato alle 11:20

«Casetta della Pro loco abusiva»: Alemanno e altri sette rinviati a giudizio

Il sindaco di Norcia deve rispondere anche per abuso d’ufficio e falso

Alemanno (foto Fabrizi)

di Chiara Fabrizi

Il sindaco di Norcia rinviato a giudizio per reati urbanistici, abuso d’ufficio e falso per la casetta «abusiva» della Pro loco. Insieme a Nicola Alemanno altre sette persone saranno processate per violazione del Testo unico dell’edilizia e del Codice dei beni culturali e del paesaggio, in relazione alla costruzione dell’opera di 50 metri quadrati in un’area di proprietà del Comune (parcheggio dei pullman turistici) e sottoposta a più vincoli, con funzioni di infopoint turistico. La prima udienza è stata fissata per il luglio 2021.

Alemanno e altri sette rinviati a giudizio La decisione è del gup Federica Fortunati e ricalca quelle finora assunte per altre opere autorizzate con sola ordinanza sindacale, come il PalaBoeri e Casa Ancarano, su cui la procura di Spoleto contesta «la realizzazione in zona vincolata e in assenza dei titoli abilitativi e paesaggistici». La casetta della Pro loco di Norcia, infatti, è stata autorizzata seguendo la procedura in deroga prevista per l’emergenza terremoto, mentre secondo la magistratura avrebbe dovuto seguire l’iter ordinario, ottenendo le autorizzazioni dagli enti competenti. Il sindaco di Norcia deve anche rispondere di falso per aver classificato l’intervento come «opera temporanea», mentre per la procura di Spoleto si trattava di un intervento permanente per via dell’ancoraggio al suolo. Al sindaco viene contestato l’abuso di ufficio, perché «intenzionalmente procurava alla Pro loco un ingiusto vantaggio patrimoniale costituito dalla realizzazione su un terreno di proprietà del Comune di una struttura di esclusiva disponibilità e pertinenza della Pro loco». Per i reati di natura urbanistica rinviati a giudizio anche il presidente della Pro loco Domenico Rossi, il direttore dei lavori Stefano Bartolini e gli esecutori materiali dei lavori Alviero Mariotti, Giuliani Sarti, Oirono Onori, Lauro Pascucci e Maurizio Porzi.

@chilodice

I commenti sono chiusi.