Currently set to Index
Currently set to Follow
domenica 29 gennaio - Aggiornato alle 16:10

Bloccato traffico di auto di lusso per 4 milioni di euro: tre bolidi sequestrati in A1

Stoppato il viaggio di tre cittadini francesi a bordo di prestigiosi modelli di vetture prese a noleggio: denunciati per ricettazione

Bloccato a orvieto un traffico di auto di lusso verso l’estero, figlio di appropriazioni indebite, noleggi, subnoleggi e riciclaggio. Nei giorni scorsi effettuati tra l’Umbria e la Toscana sequestri di mezzi presigiosi per un milione di euro. Il business, solo negli ultimi mesi del 2022, è stato accertato, si aggirerebbe attorno ai 4 milioni di euro.

Convoglio di auto di lusso in A1 Non potevano passate inosservate le auto di lusso sulle quali viaggiavano dei cittadini francesi tutti originari del nord Africa (Tunisia, Algeria, Marocco): modelli prestigiosi che le forze dell’ordine competenti, durante una delle consuete ricognizioni nelle aree di servizio hanno notato a Orvieto, lungo l’A1, parcheggiati con i tre conducenti all’esterno mentre una quarta vettura, sempre della stessa categoria, stava proprio in quei momenti riprendendo la marcia in direzione nord. Approfondimenti e controlli prima che i tre risalissero a bordo hanno permesso agli agenti di sgominare la banda del traffico illecito di macchine. I tre senza mostrare alcun nervosismo hanno spiegato di aver noleggiato le auto in Campania, esibendo effettivamente il contratto di nolo. Agli uomini in divisa però non è sfuggito l’iniziato smontaggio di una copertura di plastica interna all’abitacolo di una vettura. La comunicazione via radio ha permesso dunque di bloccare ad Arezzo la quarta macchina dello stesso gruppo e così sono iniziate le indagini.

A orvieto bloccato traffico internazionale di macchine Le investigazioni, complesse e minuziose, ancora in corso, hanno fatto scoprire agli inquirenti che delle auto, negli ultimi mesi del 2022, unitamente ad altre 12 della stessa categoria per un valore complessivo di circa 4 milioni di euro, se ne era indebitamente appropriata una ditta di autonoleggi nel Napoletano che, a sua volta, le aveva prese a noleggio da un’altra ditta nel Frusinate. Su alti elementi, come le condizioni di noleggio e subnoleggio, la polizia stradale sta ancora lavorando ma è verosimile che si tratti di una storia di numerosi reati oltre a quello dell’appropriazione indebita, con l’intervento di numerose persone, sia italiane che straniere anche in territori extranazionali, coinvolte a vario titolo in quello che finora appare essere un traffico di veicoli destinati al riciclaggio e all’esportazione. Per alcuni dei veicoli tra i 16 di cui ricostruite le sorti, le immediate e serrate indagini ne hanno già fatto trovare le tracce in paesi extraeuropei. I tre cittadini francesi sono stati intanto denunciati per ricettazione.

I commenti sono chiusi.