sabato 25 maggio - Aggiornato alle 17:29

Avvocati Perugia: «Solidarietà alla collega iraniana condannata a 38 anni di carcere e 148 frustate»

Nasrin Sotoudeh si batte contro la pena di morte e per il diritto delle donne a non indossare il velo. L’Ordine: ‘Pena ingiusta di Teheran’

di En.Ber.

L’Ordine degli avvocati di Perugia «esprime la piena solidarietà a Nasrin Sotoudeh», la collega iraniana impegnata nella difesa dei diritti umani condannata a 38 anni di carcere e 148 frustate dalla Giustizia di Teheran. L’attivista iraniana che si batte contro la pena di morte e per il diritto delle donne a non indossare il velo ha subìto un processo controverso ed è tuttora detenuta in uno degli istituti di pena più duri del paese. In un atto a firma del presidente Stefano Tentori Montalto l’intero Consiglio «condanna l’ingiusta pena inflitta a Sotoudeh dal tribunale iraniano, unitamente al ricorso di pene corporali, auspicando che lo Stato iraniano si conformi agli standard di tutela internazionalmente riconosciuti a salvaguardia delle garanzie di un equo processo».

I commenti sono chiusi.