sabato 8 agosto - Aggiornato alle 05:01

Castello, contatori Enel in fiamme: fumo nero invade palazzina, 17 persone evacuate

Il rogo è scoppiato lunedì nel quartiere di San Pio X forse a causa di un malfunzionamento. Sette le famiglie interessate

di Dan.Bo.

È stato probabilmente un malfunzionamento a provocare l’incendio che, nel primo pomeriggio di lunedì, a Città di Castello ha interessato i contatori elettrici di una palazzina. Il rogo è scoppiato nel quartiere di San Pio X – in via Martiri della Libertà – in un edificio all’interno del quale abitano sette famiglie. Sul posto sono intervenute due squadre dei vigili del fuoco ma, più che le fiamme, a creare problemi è stato il materiale plastico che, andando a fuoco, ha provocato un denso fumo nero. Complice la giornata calda, le finestre aperte e l’effetto camino, il fumo è entrato negli appartamenti provocando molta paura tra gli abitanti tanto che, come raccontano i vigili del fuoco intervenuti sul posto, al loro arrivo c’era anche chi urlava fuori dai balconi con i bambini in braccio.

Evacuazione A causa del fumo per tutte e 17 le persone della palazzina è stata disposta l’evacuazione. Il Comune è intervenuto con la polizia municipale, le squadre operative e gli assistenti sociali per prestare assistenza alle sette famiglie coinvolte. Il sindaco Luciano Bacchetta insieme agli assessori Luca Secondi e Luciana Bassini ha provveduto a individuare alloggi di supporto per coloro che non hanno potuto trovare soluzioni abitative temporanee attraverso parenti o amici. «Un ringraziamento particolare – spiega il Comune – al lavoro svolto da vigili del fuoco e forze dell’ordine per il tempestivo e fondamentale intervento». I pompieri hanno continuato a lavorare nel pomeriggio per mettere in sicurezza l’area e aiutare le persone a recuperare quanto necessario all’interno degli appartamenti.

I commenti sono chiusi.