giovedì 29 settembre 2016 - Aggiornato alle 10:25
29 aprile 2016 Ultimo aggiornamento alle 11:57

Controlli antiterrorismo alla stazione di Perugia: polizia rintraccia a Fontivegge ladri, droga e coltelli

Due viaggiatori sono stati derubati ma gli agenti hanno denunciato i presunti autori dei furti. Sequestrate anche quattro lame di taglierino. 'Molti spacciatori si muovono in treno'

Controlli antiterrorismo alla stazione di Perugia: polizia rintraccia a Fontivegge ladri, droga e coltelli

di Enzo Beretta

Sequestrati tre coltelli a serramanico, quattro lame di taglierino e alcune dosi di hashish e marijuana dalla polizia ferroviaria di Perugia che nell’ultimo periodo, seguendo le indicazioni antiterrorismo, ha intensificato i controlli a Fontivegge. Gli agenti, diretti dal sovrintendente capo Alessandro D’Antoni, hanno anche rintracciato gli autori di due furti commessi al bar della stazione e nel parcheggio di Fontivegge. Nel primo caso ad un viaggiatore è stato strappato di mano il cellulare mentre stava facendo colazione, l’altro smartphone invece è stato rubato in un’auto in sosta. La polizia ha denunciato due maghrebini di 30 anni: è stato possibile grazie alla descrizione fisica dei ladri fornita dalle vittime ma anche attraverso i filmati delle telecamere di videosorveglianza.

Pusher a bordo Secondo gli investigatori – è stato detto stamani nel corso di una conferenza stampa che si è svolta nella Sala Prima Classe della stazione, alla quale hanno partecipato tra gli altri i vicesovrintendenti Giuseppe Pausilli e Alessandro De Micheli della Polfer – alcuni pusher si muovono a bordo del treno sulla tratta da Ellera-Corciano a Ponte San Giovanni. Anche grazie alla collaborazione del personale delle Ferrovie i controlli degli agenti sono aumentati quando i treni si fermano in attesa delle coincidenze. Due tossicodipendenti sono stati segnalati alla prefettura come assuntori di sostanze stupefacenti.

«Il biglietto non vi basta?» I tre coltelli sono stati invece trovati nelle tasche del giacchetto e dei jeans di un maghrebino; dal borsello di un tifernate sono invece spuntate le quattro lame di taglierino. Tre nigeriani – si è appreso – si sono rifiutati di fornire le loro generalità e pertanto sono stati denunciati. «Abbiamo il biglietto del treno – hanno detto agli agenti -. Non vi basta?». Di resistenza e minaccia a pubblico ufficiale dovranno rispondere altri due nigeriani ed un tunisino che pur non avendo il biglietto hanno creato problemi agli agenti quando sono stati invitati a scendere dal convoglio. Infine l’interruzione di pubblico servizio: a causa dei nigeriani senza ticket il treno ha portato quattro minuti di ritardo.

Non è terra di nessuno La Polfer tiene sott’occhio la stazione di Fontivegge che, di fatto, resta chiusa quattro ore nell’arco dell’intera giornata. Dalle 1 di notte alle 5. L’ultimo treno che passa per Perugia è l’Intercity che da Milano conclude la sua corsa a Terni: alle 23.18. Intorno a mezzanotte le guardie giurate insieme agli agenti iniziano le operazioni di bonifica (controllo dei locali e dei vagoni fermi), poi alle 1 viene interdetto l’accesso fino alle 5. Dopo i fatti di Parigi e Bruxelles – è stato detto – i controlli sono ancor più serrati. L’operazione del Compartimento di polizia ferroviaria è stata intitolata «Una denuncia ogni 16 ore».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

-->

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250