domenica 25 settembre 2016 - Aggiornato alle 12:34
10 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 14:57

Comuni umbri, il grosso delle spese per la ‘macchina’. Bilanci: migliora l’autonomia

Ogni anno 321 euro per ogni cittadino vanno per Amministrazione e gestione (311 la media nazionale), 111 per viabilità e trasporti, 98 per Sociale e 82 per la Scuola

Comuni umbri, il grosso delle spese per la ‘macchina’. Bilanci: migliora l’autonomia

di Ivano Porfiri

I comuni umbri spendono la parte più rilevante dei loro soldi per l’amministrazione, seguita dalla gestione del territorio e dai trasporti. In verità in Italia sono poche le regioni dove al primo posto non ci sia la macchina amministrativa: al Centro-Nord solo Toscana e provincia autonoma di Bolzano. È l’Istat a fare i raggi X ai bilanci consuntivi delle Amministrazioni comunali. L’anno di riferimento è il 2014.

Migliora l’autonomia Nel 2014, rispetto al 2013, il grado di autonomia impositiva dei comuni umbri è cresciuto dal 66,4 al 71,8%. Parallelamente è aumentato anche il grado di autonomia finanziaria, passando dall’85,4 all’89,6%. Cala il grado di dipendenza erariale dall’8,2 al 4,8%, così come il grado di rigidità strutturale dal 69,3 al 65%. Di poco, ma diminuisce anche l’incidenza della spesa per il personale, dal 25,5 al 24,8% (pur restando al di sopra della media italiana del 23,6%).

Spesa complessiva Come spendono i soldi i comuni? La somma totale delle spese è di 954 milioni, pari a 1.066 euro pro capite. Così suddivisa: 287 milioni (321 euro pro capite contro una media nazionale di 311) per Amministrazione, gestione e controllo; 260 (290 euro pro capite) per Territorio e ambiente; 111 (124 euro pro capite) per Viabilità e trasporti; 98 (110 euro pro capite) per il Sociale; 82 (92 euro pro capite) per Scuola e istruzione.

Entrate correnti Le entrate correnti dei comuni umbri ammontano a 867 milioni di euro, ovvero a 969 euro pro capite. Di queste, la gran parte (623 milioni cioè 695 euro pro capite pari al 71,8%) vengono da tasse e tributi. Contributi e trasferimenti sono, invece, pari al 10,4% e valgono 90 milioni cioè 102 euro pro capite. Infine, le entrate extra tributarie pesano per il 17,8% e valgono 154 milioni pari a 172 euro pro capite.

Spese correnti Il totale delle spese correnti, infine, vale 776 milioni pari a 868 euro pro capite. Per il 58% vengono spesi per l’acquisto di beni e servizi (450 milioni l’anno pari a 503 euro pro capite); per il 27,7% cioè 215 milioni di euro l’anno pari a 240 euro a cittadino per il personale; per il 14,3% (11 milioni cioè 125 euro pro capite) per altre spese correnti.

 

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250