mercoledì 28 settembre 2016 - Aggiornato alle 17:23
28 agosto 2016 Ultimo aggiornamento alle 20:08

Collezionista di opere d’arte in conflitto con i mariti Caterina Casini interpreta Peggy Guggenheim

Al Todi Festival debutto nazionale dell'artista: vestirà i panni dell'eroina che durante la guerra nascondeva le tele e sculture tra i piatti e le vettovaglie della cucina

Collezionista di opere d’arte in conflitto con i mariti Caterina Casini interpreta Peggy Guggenheim
Peggy Guggenheim

Sarà la presentazione del libro Il fiore in pietra di Todi tra Roma e Loreto ad aprire gli appuntamenti della terza giornata del Todi Festival. Lunedì alle 17, nella sala del consiglio comunale, sarà presentata la pubblicazione dedicata al tempio della Consolazione, uno dei monumenti più importanti del Rinascimento italiano. Intervengono Paolo Frongia (presidente dell’Ente Tuderte di Assistenza e Beneficenza) e il professor Fabio Marcelli (ricercatore del dipartimento di Ingegneria civile e ambientale dell’Università degli studi di Perugia). Si prosegue poi, alle 19, con Calaveras Kabarett. Sul palco del Teatro Nido dell’Aquila gli attori di Malabranca Teatro. La regia è di Daniele Nigrelli. Musica eseguita dal vivo dai Decostruttori Postmodernisti. Visto il grande numero di prenotazioni arrivate alla segreteria del Festival, la rappresentazione sarà replicata anche alle 21. Lo spettacolo è tratto da Crimes Ejemplares di Max Aub, scrittore spagnolo, tradotto per la prima volta in italiano. Anche questo spettacolo, come Il Legame che sabato ha inaugurato l’edizione del trentennale del Todi Festival, è un debutto nazionale. Malabranca presenterà una carrellata di omicidi grotteschi e tragicomici, veri esempi di humor nero, portati in scena con la cifra stilistica del cabaret, un viaggio onirico, quasi metafisico nel paradosso della violenza.

Caterina Casini nei panni di Peggy Guggenheim Alle 21, al Teatro Comunale, spazio per un altro debutto nazionale. Caterina Casini vestirà i panni di Peggy Guggenheim. Intorno a Peggy Guggenheim è tratto da Woman before a glass di Lanie Robertson, la regia è di Giles Stjohn Devere Smith. Si tratta di una performance di prosa e proiezioni – è spiegato in una nota – con linguaggio disinvolto e trasgressivo che racconta alcuni momenti degli ultimi anni di Peggy Guggenheim e della sua vita a Venezia dove abitò per 30 anni realizzando la sua straordinaria collezione d’arte moderna. Robertson racconta di questa grande eroina che nascondeva le tele e sculture tra i piatti e le vettovaglie di cucina durante la guerra, racconta dei suoi difficili rapporti con i mariti e delle sue grandi capacità di collezionista di grandi opere.

Talenti emergenti Domenica 28 agosto, invece, c’è stato spazio anche per i talenti emergenti e alla loro arte, grazie alla prima edizione del premio speciale One Talent tv, il nuovo canale nazionale (66 del digitale terrestre) dedicato alla promozione gratuita dei talenti creativi, pronti a mostrarsi al pubblico italiano, in tv, e di tutto il mondo via web. Il fondatore Ciro Dammico, il direttore creativo Vincenzo Germino e quello del marketing, Damiano Miotto, hanno consegnato i premi agli autori dei video selezionati. Premiati il gruppo musicale Wonder Vincent con Spoon Rest, la make up artist Carmela D’Amico, la E. Sperimento Dance Company per Hopera, e la cantante Alice Menton con il video di One Day.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250