giovedì 29 settembre 2016 - Aggiornato alle 12:10
24 maggio 2016 Ultimo aggiornamento alle 15:45

‘Coding day’ aperto a tutti all’università perugina: a Gualdo Tadino un pezzo di Silicon Valley

A disposizione dei lavoratori: mensa, palestra e area relax. Non c'è orario di lavoro e dalle 16 riunione con la sede americana

‘Coding day’ aperto a tutti all’università perugina: a Gualdo Tadino un pezzo di Silicon Valley

In una delle aree di maggiore crisi industriale è nata una start up sul modello della ‘Silicon Valley’. Due giovani ingegneri l’hanno voluta lì, a Gualdo Tadino, dove, scommettono, può nascere quell’ecosistema in grado di rappresentare un rilancio del territorio. Si danno appuntamento all’università di Perugia per un appuntamento di diffusione della cultura informatica, ma guardano all’Appennino dove l’azienda ha affondato le proprie radici, selezionando lavoratori ‘smart’ e offrendo loro le migliori condizioni per lavorar, proprio come accade nella baia di ‘San Francisco’.

‘Coding day’ L’appuntamento a Perugia ‘Coding Day 2016′ è l’evento organizzato da questa realtà aziendale, che si chiama Vendini, in collaborazione con il dipartimento di Ingegneria informatica dell’Università degli studi di Perugia. L’iniziativa, in programma giovedì 26 maggio alle 14.30 nell’aula 10 della facoltà di Ingegneria di Perugia, ha l’obiettivo di presentare a studenti e non, alcune tematiche legate allo sviluppo di software. Il Coding day è aperto a tutti e sarà strutturato in quattro interventi tenuti da esperti ingegneri del software che da anni si occupano di sviluppo software in ambito internazionale. L’evento ha lo scopo di diffondere la cultura informatica nelle Università e nel territorio partendo da argomenti di cruciale importanza per lo sviluppo di applicazioni web.

La Silicon Valley umbra ‘Vendini’ è una start up innovativa con sede a Gualdo Tadino fondata nel 2012 da due giovani ingegneri: Marco Matarazzi e da Andrea Sprega. L’azienda, gemmazione della Vendini America, colosso mondiale nel settore del ticketing, è specializzata nello sviluppo di applicazioni per la vendita on line di biglietti per teatro, cinema, eventi. Il team guidato da Matarazzi e Sprega è costituito da 15 ingegneri informatici con un’ottima padronanza delle lingua inglese che sviluppano software per il partner americano. Per trovare i migliori giovani ingegneri la politica dell’azienda si è incentrata nel mettere a disposizione dei propri dipendenti un clima ideale per dare il meglio di sé. Le scelte strategiche sono condivise e a disposizione del personale ci sono mensa, palestra e area relax. L’orario di lavoro è flessibile e dalle 16 ci si collega con la sede americana per confrontarsi sui progetti da sviluppare.

Il modello «L’obiettivo – spiegano i due soci – è di lavorare in armonia. Grande attenzione viene rivolta all’aggiornamento professionale con la partecipazione dei dipendenti ai più importanti eventi del settore. L’iniziativa organizzata insieme all’università – spiegano i due soci – fa parte delle attività che vogliamo portare avanti per promuovere e sostenere la diffusione della cultura informatica sul territorio in collaborazione con gli istituti scolastici e le università».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250