mercoledì 26 novembre 2014 - Aggiornato alle 23:58
31 ottobre 2013 Ultimo aggiornamento alle 14:17

Cassintegrati diventano imprenditori col tartufo bianco da 10 mila euro

Rilanciate le speranze per il futuro di due giovani operai: è loro il tubero prezioso di 1 chilo e 94 grammi

Cassintegrati diventano imprenditori col tartufo bianco da 10 mila euro
Tartufo bianco da record a Gubbio

Il tartufo bianco di Gubbio, prodotto d’eccellenza dell’Alta Umbria, aiuta a sconfiggere la crisi economica e rilancia le speranze per il futuro di due giovani operai cassaintegrati. E’ loro il tartufo bianco di un chilo e 94 grammi che a Gubbio (Pg), nella giornata di apertura della Mostra mercato nazionale del tartufo bianco e dei prodotti agroalimentari, ha sbancato ogni concorrenza vincendo il premio per l’esemplare più grande.

La storia Stanchi di vivere con il freno a mano tirato, hanno scelto di sfidare la crisi vestendo i panni degli imprenditori. Michele Mosca (26 anni) e Luca Bellucci (32) hanno aperto due botteghe nel centro storico della città umbra con tartufo fresco del territorio e prodotti della lavorazione. «L’idea di rassegnarci alla perdita del lavoro ed accontentarci di vivere con la cassa integrazione – racconta Michele Mosca, titolare della bottega ‘Delizie al tartufo’ di Gubbio – senza pensare a un futuro fatto di prospettive e opportunità, non ci andava giù. Ultimamente prima di comprare anche solo una camicia dovevamo contare i soldi. La passione per il tartufo, il legame con la nostra terra e la grande voglia di lavorare e reagire ci sono venuti in soccorso e a maggio abbiamo aperto una prima attività commerciale, tra mille difficoltà burocratiche».

L’asta La scelta di rischiare ha pagato subito e nell’estate, con un’altra buona dose di coraggio, hanno raddoppiato le botteghe scegliendo di aprire un secondo punto vendita nella via più turistica della città. Il sogno dei due giovani imprenditori è di sfondare con la commercializzazione del “diamante della tavola” all’estero, dove si stanno muovendo sin dall’inizio, puntando soprattutto sui mercati del lusso di Medio ed Estremo Oriente. Il fantastico gigante locale da oltre un chilo, dalla forma irregolare tipica dell’Alta Umbria e dal profumo inebriante, presentato alla tradizionale gara del tartufo più grande, trovato nella zona di Burano (area appenninica) da un tartufaio di Gubbio, sembra diretto proprio in Arabia Saudita.

Oltre 10mila euro «Le richieste per aggiudicarsi questo pezzo unico sono innumerevoli – prosegue Mosca – e arrivano soprattutto dall’estero. E’ in corso un’asta e nelle prossime ore verrà aggiudicato e spedito al volo». Il tartufaio autore del fortunato “buco” incasserà sui 3 mila euro, ma considerato il grande interesse mostrato da più parti del mondo, il prezzo di vendita potrebbe schizzare anche ben oltre i 10 mila euro. La 32esima Mostra mercato del tartufo bianco e dei prodotti agroalimentari si è aperta ieri a Gubbio e accoglierà turisti e visitatori della città medievale umbra fino al 3, per tornare poi nel fine-settimana del 9 e 10 novembre.

©Riproduzione riservata

banner 468x60

COMMENTA LA NOTIZIA

banner 468x60

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi