domenica 25 settembre 2016 - Aggiornato alle 12:33
5 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 13:19

Caso Di Stefano e 800 mila euro svaniti: otto condanne per ricettazione

Il giudice Salerno assolve solo un'imputata, pene da un anno e dieci mesi a un anno e quattro mesi. Provvisionali ad Allianz e due risparmiatori

Caso Di Stefano e 800 mila euro svaniti: otto condanne per ricettazione
Tribunale di Spoleto (foto Fabrizi)

di Chiara Fabrizi

Otto condanne per ricettazione e un’assoluzione. Questa la sentenza emessa nella tarda mattinata di martedì dal giudice monocratico Francesco Salerno a carico del titolare di un’agenzia assicurativa e alcuni risparmiatori che si erano affidati ad Adriano Di Stefano, l’ex vicesindaco di Norcia ed ex broker unico imputato per una truffa in un processo con 80 testimoni e 14 parti civili che si sta celebrando sempre al tribunale di Spoleto.

Caso Di Stefano in tv con Le Iene

Otto condanne per ricettazione La vicenda giudiziaria su cui, dopo una camera di consiglio durata meno di due ore, è arrivata martedì la sentenza è legata a quella tuttora in corso per gli 800 mila euro di risparmi affidati a Di Stefano da compaesani, amici e conoscenti ma poi svaniti nel nulla. Nel 2007 in diversi hanno tentato di recuperare i propri soldi, passando all’incasso assegni che risparmiatori terzi, in aula come parte civili, avevano affidato allo stesso ex broker per investimenti finanziari. Da qui la ricettazione di cui sono stati ritenuti responsabili gli otto, tutti condannati a pene comprese tra un anno e dieci mesi e un anno e quattro mesi (per tutti pena sospesa).

Parti civili Tra le parti civili anche Allianz a cui il giudice ha riconosciuto una provvisionale di 20 mila euro interamente a carico dello spoletino titolare dell’agenzia, oltre al danno non patrimoniale da stabilire in sede civile. L’assicuratore dovrà anche versare 23 mila euro in favore di un risparmiatore, a cui sono stati riconosciuti ulteriori 17 mila euro che gli saranno versati da un altro dei condannati e cifre ben più contenute da altri. Provvisionale di 2.500 euro anche in favore di un secondo risparmiatore costituitosi parte civile, a versarli sempre uno degli otto condannati per ricettazione. Quella di martedì è la seconda sentenza che arriva sul caso Di Stefano. Nel novembre scorso un giovane commerciante di Norcia è stato ritenuto responsabile dello stesso reato e condannato a 4 anni (pena sospesa).

Twitter @chilodice

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

-->

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250