giovedì 29 settembre 2016 - Aggiornato alle 08:42
5 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 16:43

Carcere di Capanne, penitenziaria fa sciopero della mensa: «Pessima qualità del cibo»

Tre sigle sindacali scrivono al provveditore: «Alimenti trasportati con mezzi non idonei e menu scadente. Vogliamo un'altra ditta»

Carcere di Capanne, penitenziaria fa sciopero della mensa: «Pessima qualità del cibo»
Il carcere di Capanne (foto F.Troccoli)

«Pessima qualità degli alimenti, sia sotto il profilo della conservazione che della qualità». La denuncia, con l’annuncio dell’inizio dello stato di agitazione e la proposta «a tutto il personale di polizia penitenziaria una protesta di astensione dalla mensa di servizio» viene dai segretari dei sindacati D’Imperio dell’Osapp, Francois della Uil P.P. e Antognoni della Cisl Fns in una lettera al provveditore regionale dell’Amministrazione penitenziaria, Giuseppe Martone, e al direttore del carcere di Perugia Capanne, Bernardina Di Mario.

Lettera di protesta «Il motivo di tale azione – si legge nella lettera – è per la pessima qualità degli alimenti, sia sotto il profilo della conservazione che della qualità. In più occasioni è stato riscontrato che i generi alimentari vengono trasportati con mezzi non idonei per il trasporto alimentare (carne, frutta, surgelati vengono trasportati per oltre 400 km con mezzi non refrigerati). Il comportamento del gestore della ditta appaltatrice al di là di questi gravi episodi assolutamente non rispetta nessuno degli accordi contrattuali. Per effetto di ciò, il menu giornaliero non corrisponde a quello della tabella prestabilita, oltre ad essere scadente per qualità e quantità, nonostante le dipendenti si facciano in quattro per poter mettere a tavola un piatto dignitoso». Per questi motivi, i sindacati chiedono «l’intervento del Signor Provveditore affinché si mobiliti per l’entrata di una nuova ditta a seguito della risoluzione del contratto con questa vigente. Per quanto ci riguarda – concludono – a fronte del trattamento che è propinato giornalmente da codesta ditta, l’astensione continuerà ad oltranza fino alla soluzione del problema rappresentato».

 

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250