domenica 25 settembre 2016 - Aggiornato alle 10:50
17 maggio 2016 Ultimo aggiornamento alle 17:54

Cantine aperte 2016, 57 aderenti in Umbria: ecco l’elenco dei punti di degustazione

Presentata l'edizione che si svolgerà sabato 28 e domenica 29 maggio. A tavola con il vignaiolo: le 24 realtà dove cenare

Cantine aperte 2016, 57 aderenti in Umbria: ecco l’elenco dei punti di degustazione
Cantine aperte

Saranno 57 le cantine dell’Umbria che apriranno le porte nell’ultimo fine settimana di maggio, sabato 28 e domenica 29 per la 24esima edizione di ‘Cantine Aperte’. Tra animazioni a tema, degustazioni guidate e libere, in abbinamento ai prodotti tipici del territorio regionale e visite alle cantine, torna dunque l’appuntamento enoturistico più atteso dell’anno. L’edizione 2016 è stata presentata a Milano nell’ambito della conferenza stampa nazionale organizzata dal Movimento Turismo del Vino Italia, alla quale, a rappresentare l’Umbria, era presente Gioia Bacoccoli, coordinatrice dell’associazione regionale MTV Umbria.

CANTINE APERTE: LE 57 ADERENTI

A Tavola con il Vignaiolo In attesa di domenica 29 maggio, giornata clou di Cantine Aperte, con tante e differenti iniziative in cantina, da non perdere l’appuntamento ora tradizionale con la cena ‘A Tavola con il Vignaiolo’ di sabato 28, all’insegna della qualità, della tradizione e del gusto. Quest’anno sarà organizzata in 24 cantine della regione.

A TAVOLA COL VIGNAIOLO: L’ELENCO DELLE CANTINE

#passion&vino Saranno 57 le cantine dell’Umbria che apriranno le porte nell’ultimo fine settimana di maggio, sabato 28 e domenica 29 con innumerevoli iniziative finalizzate alla scoperta della grande ricchezza della regione. E quest’anno a legare i territori a vocazione vinicola, da Montefalco al Lago Trasimeno, da Terni a Perugia, dall’Alto Tevere a Orvieto, da Spoleto a Torgiano, passando per Todi, Assisi e i Colli Martani, sarà il fil rouge della passione, con il claim #PASSION&VINO.

Vetrina nazionale «L’enoturismo di qualità – ha detto – rappresenta una sfida continua e un impegno costante e la scelta di presentare la prossima edizione di Cantine Aperte in Umbria e quindi l’Umbria del vino a Milano deriva dalla considerazione che è arrivato il momento per la manifestazione – data l’elevata qualità dell’accoglienza da parte delle cantine socie, la presenza crescente di un pubblico attento e consapevole e il sempre maggior interesse verso il turismo del vino – di poter avere una vetrina nazionale, in più a quella sul territorio regionale. Questa conferenza, peraltro – ha proseguito – è organizzata insieme a Airc Italia, dopo il successo della collaborazione in Umbria, che ha fatto da apripista a quella nazionale di oggi e che, solo nella nostra regione, ha visto devolvere il ricavato della vendita di oltre 12.500 calici alla ricerca contro il cancro. Siamo certi – ha concluso – che l’Umbria possa essere sempre di più tra le mete preferite dai turisti del vino».
Per info:

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250