martedì 27 settembre 2016 - Aggiornato alle 19:15
15 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 15:27

Camminando sotto la pelle di Perugia: viaggio nei sotterranei della Cattedrale

Ogni giovedì estivo tornano le cene al Museo del capitolo di San Lorenzo con visita guidata al percorso archeologico

Camminando sotto la pelle di Perugia: viaggio nei sotterranei della Cattedrale

MULTIMEDIA

Guarda le foto

di Elisa Marioni

La storia di Perugia prende forma sotto le fondamenta della sua cattedrale. Basta scendere qualche rampa di scale, entrando dal chiostro di San Lorenzo, per trovarsi immersi in un tortuoso reticolo di cunicoli, archi, volte, strade e fondamenta di antichi edifici. I sotterranei della cattedrale di San Lorenzo sono un tesoro prezioso che è stato portato alla luce a partire dagli anni Novanta. Sotto la chiesa, ad appena quindici metri, si scopre un percorso archeologico che fa tornare indietro nel tempo, dalle origini etrusche al Medioevo. Eppure, dopo tanti anni, molti perugini non lo conoscono. Per diffondere questo patrimonio ancora un po’ nascosto riprende “Cena al museo – alle radici del tempo”, ogni giovedì estivo.

FOTOGALLERY

L’iniziativa Una formula «cultural-edonistica». Così la responsabile del Museo del Capitolo di San Lorenzo Chiara Basta definisce l’appuntamento fisso che si ripeterà ogni giovedì fino a settembre, sfruttando la scia del cartellone “Perugia is open”. Al costo di 22 euro, infatti, a partire dalle 19 si potrà accedere al museo, usufruire di una visita guidata all’interno dei sotterranei e poi cenare, proprio nel chiostro di San Lorenzo. Con la possibilità di un pacchetto famiglia – quattro persone a 60 euro – e di avere una guida in inglese e in francese, a misura di turista.

L’obiettivo Questo connubio tra la cucina del catering Turreno e la storia della città è alla sua seconda edizione, dopo i buoni risultati dello scorso anno. «Le presenze nel 2015 sono state incoraggianti – racconta Chiara Basta – le cene hanno consentito di fidelizzare il pubblico anche grazie al fattore passaparola ed abbiamo avuto un riscontro anche nelle iniziative invernali». Perché, come spiega la responsabile, l’obiettivo del museo, con i suoi 90 anni di storia, è proprio quello di diventare alla portata di tutti. «Vorremmo un museo aperto, quasi sociale, in modo che il sapere possa essere condiviso ed accessibile a tutti». Lo scorso anno le cene e le visite guidate sono state un buon modo per farlo conoscere ai perugini: quest’anno si spera di replicare.

Il percorso archeologico Si cammina per circa un chilometro dove si sono sedimentati reperti di epoche e stili diversi: etruschi, romani e medievali. Scendendo dentro la “pancia” della città si scopre quindi un pezzo del muro da cui prese forma la Perugia etrusca, nel VII secolo a.C., in corrispondenza del lato occidentale del chiostro di San Lorenzo. Prima c’era già qualche insediamento, ma l’acropoli non era stata ancora costruita. Poi si scopre un tempio etrusco e si cammina su un’antica strada romana ancora quasi intatta, costruita probabilmente in epoca augustea. Tra le rovine di una casa romana, invece, è chiaro il segno dell’incendio che distrusse Perugia nel 40 a.C.

La Perugia dei Papi A colpire i visitatori sono anche alcuni aneddoti. Non tutti infatti sanno che nei sotterranei della Cattedrale si trova il salone in cui si svolsero cinque conclavi, tra il 1216 e il 1305. È in questo spazio che morì Innocenzo III, papa dalla cui morte domani ricorreranno 800 anni. E qui fu eletto anche Celestino V, di cui Dante nella Divina Commedia raccontò il “gran rifiuto”. L’ultimo ad essere nominato a Perugia fu Clemente V, che trasferì la sede papale in Francia, ad Avignone. La seggiola su cui questi papi si sedevano una volta eletti è arrivata fino a noi ed è conservata qualche metro più su, all’interno del Museo capitolare.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250