giovedì 29 settembre 2016 - Aggiornato alle 08:42
10 agosto 2016 Ultimo aggiornamento alle 16:50

Cambiato calendario venatorio per addestramento cani: ecco le nuove disposizioni

«Escluse le due domeniche 4 e 11 settembre in quanto si sovrappongono con le giornate di preapertura. Ma il numero delle giornate rimane invariato»

Cambiato calendario venatorio per addestramento cani: ecco le nuove disposizioni
Un cacciatore

Cambiano le date in cui i cacciatori potranno addestrare e allenare i cani prima dell’apertura della caccia: la Giunta regionale, su proposta dell’assessore alla Caccia Fernanda Cecchini, ha approvato oggi una modifica al calendario venatorio 2016/2017.

Le date L’addestramento e l’allenamento dei cani è così consentito «dal 14 al 29 agosto e dal 3 al 15 settembre con esclusione delle giornate di pre-apertura del 4 e dell’ 11 settembre, dall’alba fino alle ore 12 e dalle ore 16 al tramonto, escluso il martedì e il venerdì di ciascuna settimana, in tutto il territorio regionale, con l’eccezione dei terreni in attualità di coltivazione».

Cecchini «Abbiamo ritenuto opportuno accogliere le osservazioni della III Commissione consiliare permanente del Consiglio regionale – sottolinea l’assessore Cecchini – e sono state pertanto escluse le due domeniche 4 e 11 settembre in quanto si sovrappongono con le giornate di preapertura. Ma il numero delle giornate a disposizione per addestrare i cani rimane invariato: le due giornate tolte sono state infatti recuperate spostando la chiusura del primo periodo dal 28 al 29 agosto e l’apertura del secondo dal 4 al 3 settembre». La Giunta regionale ha inoltre adeguato il punto L) Controllo delle specie del calendario venatorio 2016/2017. «Sono state ricollocate a livello regionale le funzioni già delegate o trasferite alle Province di Perugia e Terni in materia, tra l’altro, di caccia e pesca – ricorda l’assessore – e pertanto il testo approvato oggi stabilisce che per ragioni di tutela del patrimonio faunistico, delle produzioni agricole e zootecniche o per motivi sanitari, è la Regione che può autorizzare, con le modalità previste dalla normativa nazionale e regionale, piani di controllo, anche mediante abbattimento, di specie di fauna selvatica o ridurre i periodi di caccia a determinate specie»

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250