giovedì 29 settembre 2016 - Aggiornato alle 10:26
21 aprile 2016 Ultimo aggiornamento alle 19:35

Calcioscommesse e giustizia sportiva: se ne parla a Perugia con esperti, magistrati e sportivi

L'avvocato Marco Brusco e Ilario Castagner, il giudice Paolo Micheli e lo sportivo Franco Vannini del Perugia di Serie A

Calcioscommesse e giustizia sportiva: se ne parla a Perugia con esperti, magistrati e sportivi
Ilario Castagner (Foto Fabrizio Troccoli)

È crescente l’attività della giustizia sportiva, anche se non siamo ai livelli di quella ordinaria, ma è evidente che le dinamiche della società si riflettono nello sport e nel calcio in particolare anche in virtù della tecnologia e delle infinite strade che favoriscono il fenomeno delle scommesse.

L’attualità Non solo tifosi, che pure dovranno difendersi davanti la giustizia ordinaria, ma anche tesserati che si sono resi protagonisti di violenze o illeciti e che dovranno difendersi su entrambi i fronti. Se i tifosi indagati dalla magistratura sono stati più di 1300 nel 2015 , con quasi 5000 daspo riguardanti partite di calcio, 600 sono stati i casi di aggressioni agli arbitri. «Differenze e analogie tra giustizia sportiva e ordinaria» se ne parlerà questo venerdì, 22 aprile, (alle ore 16) in un convegno – dibattito nella sala Brugnoli di palazzo Cesaroni, organizzato dalla associazione giovani avvocati di Perugia. Sono previsti interventi di esperti del mondo forense e della magistratura, l’avvocato Marco Brusco, giudice sportivo della Lega nazionale dilettanti, il magistrato di Cassazione Paolo Micheli e il giudice sportivo della serie B Emilio Battaglia. Gli organizzatori hanno anche invitato due protagonisti del Perugia della prima serie A, Ilario Castagner e Franco Vannini.

Castagner Proprio Castagner ricorda gli effetti devastanti del processo sportivo legato al calcio scommesse dell’estate del 1980 e nel quale rimasero coinvolti alcuni calciatori del Perugia, tra cui Paolo Rossi: «In una settimana vidi svanire il lavoro di sei anni di lavoro», ancora urla Ilario: «Il calcio scommesse ha condizionato la mia carriera di allenatore e quella di migliaia di tifosi che dopo quella delusione disertarono il Curi». Il dibattito, al quale parteciperanno avvocati e dirigenti di tutta la regione, sarà moderato dal giornalista Mario Mariano.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250