lunedì 26 settembre 2016 - Aggiornato alle 17:37
11 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 13:19

Squarta: «Fair-play nel calcio giovanile, multe ai genitori violenti e subito via chi fa discriminazioni»

Il consigliere regionale di FdI annuncia una mozione in Assemblea legislativa per istituire un Codice etico di comportamento per atleti, tesserati di società sportive e genitori dei ragazzini

Squarta: «Fair-play nel calcio giovanile, multe ai genitori violenti e subito via chi fa discriminazioni»
Il consigliere regionale Marco Squarta

Il consigliere regionale Marco Squarta (FdI) annuncia una mozione in Assemblea legislativa per l’istituzione di un «Codice etico di comportamento» per chiunque faccia parte del mondo calcistico. «Atleti, tesserati di società sportive e genitori dei ragazzini – dice Squarta – devono astenersi da comportamenti che incitano alla violenza. Deve essere inoltre contrastato con forza ogni comportamento ineducato e discriminatorio che riguarda razza, sesso, religione ed origini etniche. Le società sportive siano libere di mandare via i genitori violenti trattenendo le quote di iscrizione dei figli minori».

Presto una proposta di legge «Si rende necessaria – spiega Squarta – una proposta di legge e, a tal fine, ho intenzione di approfondire la questione insieme alla Figc, alle numerose società sportive presenti in Umbria e all’Ufficio scolastico regionale, quindi con altri attori che a vario titolo possono diffondere i principi educativi del Codice etico. Lo sport deve essere sempre un momento di socializzazione e divertimento. Perciò allenatori, dirigenti, ma anche i piccoli atleti e i genitori sugli spalti che troppe volte in maniera violenta rovinano giornate di festa, devono rispettare le regole, gli avversari e le scelte tecniche. Il calcio come la vita – prosegue – è un’occasione per essere selezionati, di conseguenza è un momento importante di crescita e di maturazione per i giovani che non devono soffrire le ingerenze dei genitori maleducati».

Stop a qualunque tipo di discriminazione «L’obiettivo – conclude – è quello di istituire nella nostra regione una cultura sportiva con finalità formative e sociali, che sappia valorizzare le relazioni, la lealtà, la correttezza e il fair-play. Venga istituito il terzo tempo, come nel rugby, dove in campo si disputano vere e proprie battaglie e fuori si torna amici. Purtroppo, come dimostrano i numerosi episodi negativi, nel calcio giovanile le cose funzionano diversamente ed è opportuno che tutte le componenti si impegnino per non rovinare il gioco più bello del mondo. I comportamenti scorretti di alcuni genitori, cui seguono le sanzioni del giudice sportivo, vengano fatti pagare ai responsabili e non alle società sportive che devono essere libere di allontanare il genitore maleducato trattenendosi la quota annuale di iscrizione. Quando si tratta, invece, di discriminazioni razziali, etniche, religiose o sessuali, l’allontanamento deve essere obbligatorio e con effetto immediato. Certi comportamenti non sono più tollerabili in una società cosmopolita come la nostra».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250