domenica 25 settembre 2016 - Aggiornato alle 02:18
8 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 17:46

Bps, manager sotto accusa si discolpano davanti al gup

Nuova udienza per le richiesta di rinvio a giudizio a carico di Antonini e altri 13

Bps, manager sotto accusa si discolpano davanti al gup
Tribunale di Spoleto (foto Fabrizi)

di C.F.

Hanno reso dichiarazioni spontanee per almeno un paio di ore, buona parte dei manager della Banca Popolare di Spoleto accusati a vario titolo di appropriazione indebita e bancarotta fraudolenta dalla procura della Repubblica di Spoleto, che ne ha chiesto il rinvio a giudizio. Nel procedimento è coinvolto con le stesse accuse anche l’ex presidente Bps e Scs, Giovannino Antonini, che ha preferito non rendere dichiarazioni spontanee, e alcuni imprenditori clienti dell’istituto.

Manager sotto accusa Di fronte al gup Stefania Amodeo i quadri dirigenti, tuttora in servizio a Palazzo Pianciani, hanno ricostruito con materiale documentale il proprio ruolo e le attività effettuate negli ultimi anni della Bps, scanditi da ispezioni della Banca d’Italia, relativo commissariamento e ingresso con quote di maggioranza di Banco Desio. Stagioni che, è la sostanza delle dichiarazioni spontanee rese in udienza a porte chiuse, i manager hanno superato, tanto da venire confermati anche dai vertici del Gruppo brianzolo che ha acquistato Bps. In aula si tornerà il 22 giugno quando, salvo colpi di scena, dovrebbe aprirsi la discussione del procedimento avviato lo scorso gennaio.

Twitter @chilodice

 

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

-->

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250