lunedì 26 settembre 2016 - Aggiornato alle 22:42
22 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 12:11

Barberini, prefetto e vigili del fuoco dichiarano guerra a vespe, api e calabroni dell’Umbria

Rinnovato impegno della Regione per contrastare le infestazioni dei temibili insetti. Palazzo Donini: sono aumentati e talvolta creano veri e propri problemi di sanità pubblica

Barberini, prefetto e vigili del fuoco dichiarano guerra a vespe, api e calabroni dell’Umbria

Anche per il 2016 Regione, prefettura e vigili del fuoco hanno rinnovato il proprio impegno per contrastare il fenomeno della diffusione ed infestazioni dei cosiddetti imenotteri aculeati – vespe, calabroni ed api – che negli ultimi anni hanno fatto registrare un costante aumento, tanto da diventare in parecchi casi veri e propri problemi di sanità pubblica. Stamani nella sede della Prefettura di Perugia il prefetto Raffaele Cannizzaro, l’assessore regionale alla coesione sociale e welfare Luca Barberini e il direttore dei vigili del fuoco dell’Umbria, Raffaele Ruggiero, hanno sottoscritto la nuova convenzione che affida proprio ai pompieri lo svolgimento degli interventi con particolare riferimento a quelli realizzati in specifiche situazioni di rischio per la salute delle persone e dei lavoratori e per le quali è necessario mettere in campo un’adeguata preparazione professionale ed idonee attrezzature.

L’assessore «L’impiego operativo delle strutture, dei mezzi e del personale dei comandi provinciali dei vigili del fuoco di Perugia e Terni – ha sottolineato l’assessore Barberini – è previsto per le situazioni di particolare inaccessibilità con specifico riferimento all’impossibilità di isolare i locali all’interno dei quali insistono sciami di insetti o di allontanamento, sia pur temporaneo, delle persone vulnerabili, in situazioni di crisi per gruppi sociali, o in caso di dimensioni straordinarie degli sciami e dei favi o, infine, quando esiste rischio o difficoltà di accesso ai siti interessati. Tutti questi interventi, ovviamente, saranno realizzati come attività integrativa per conto della Regione Umbria e per tale motivo si è reso necessario un servizio articolato da attivare tempestivamente in base ad effettive necessità».

La convenzione Barberini ha voluto evidenziare come «l’analisi del servizio svolto dai vigili del fuoco negli anni scorsi ha dato risultati estremamente positivi anche nella percezione da parte dei cittadini che si sono trovati nella situazione di ricorrere al servizio che è capillare su tutto il territorio e per questo la Regione dell’Umbria ha voluto proseguire nella collaborazione attraverso questa convenzione che potrà essere prorogata fino al 2018, con un impegno finanziario della Regione che, per il 2016, raggiunge i centomila euro».

Non solo incendi «Un protocollo importante – ha detto il prefetto di Perugia, Raffaele Cannizzaro – che serve a rinnovare un rapporto di collaborazione che ha già dato riscontri positivi in Umbria. I vigili del fuoco non intervengono solo nel caso di incendi ma sono un corpo strutturale della Protezione Civile che lavora per la sicurezza delle persone a 360 gradi. La convenzione si muove in questo solco, visto che salvaguarda la vita delle persone che, in alcuni casi, può essere messa a rischio dalle punture di imenotteri».

Aggressioni letali «I vigili del fuoco – ha precisato il direttore Raffaele Ruggiero – hanno l’obbligo di intervenire per far fronte a situazioni di emergenza che possano mettere a rischio l’incolumità dei cittadini. La lotta agli imenotteri rientra in questi casi perché l’aggressione di vespe e calabroni può essere anche letale e, spesso, chi non vive direttamente questo problema non comprende il disagio che queste situazioni, che rientrano a pieno titolo nel concetto di soccorso, possono creare. La convenzione che firmiamo oggi quindi, è utile per tutta la comunità umbra e per il territorio».

Contributo scientifico La Regione Umbria, anche avvalendosi del contributo scientifico e tecnico dei competenti Servizi dei Dipartimenti di Prevenzione delle Aziende Sanitarie Locali, al fine di assicurare adeguati livelli di formazione e di aggiornamento del personale concorderà con la Direzione Regionale dei Vigili del Fuoco dell’Umbria, anche l’effettuazione di uno o più eventi a carattere seminariale ed analoghe attività potranno essere organizzate dagli stessi vigili del fuoco.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

-->

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250