Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 30 novembre - Aggiornato alle 21:40

Viabilità, direttrice Terni-Rieti chiusa dalle 21 e scatta l’obbligo di catene da neve

Lavori Anas lungo la statale 79 Ternana all’interno della galleria Valnerina

La galleria Valnerina della Terni Rieti aperta nel 2013

Via ai lavori lungo la strada statale 79bis ‘Ternana’ (direttrice Terni-Rieti): Anas eseguirà alcuni interventi di manutenzione e ripristino localizzato all’interno della galleria ‘Valnerina’. Per consentire l’esecuzione dei lavori sarà necessaria la chiusura in entrambe le direzioni. Al fine di contenere i disagi al traffico la chiusura sarà attiva esclusivamente in orario notturno dalle 21:00 alle 6:00 del giorno successivo ad esclusione delle notti di sabato e domenica. Il traffico sarà deviato sulla viabilità locale con indicazioni sul posto. Nel dettaglio, il traffico in direzione Rieti dovrà uscire allo svincolo Valnerina, proseguire sulla SP209 in direzione Terni centro, svoltare a sinistra su viale Centurini e proseguire in direzione Marmore tramite la ex SS79. Il traffico proveniente da Rieti in direzione Terni sarà deviato sul ex SS79 e dovrà seguire il percorso inverso.

Pneumatici da neve A proposito di viabilità è in vigore da venerdì e durerà fino al 15 aprile l’obbligo di transitare su tutte le strade regionali e provinciali della provincia di Terni muniti di pneumatici invernali, ovvero avere a bordo catene da neve o altri mezzi antisdrucciolevoli idonei alla marcia su neve e ghiaccio. E’ quanto prevede l’ordinanza dell’amministrazione provinciale di Terni emanato il 15 novembre scorso e relativa alla sicurezza per chi viaggia su mezzi a motore lungo le strade di competenza dell’ente. L’ordinanza prevede anche che nel periodo di vigenza dell’obbligo, i ciclomotori a due ruote, i motocicli e i velocipedi possano circolare solo in assenza di neve o ghiaccio sulla strada e di fenomeni nevosi in atto. Per quanto riguarda gli pneumatici invernali, devono essere impiegati sono quelli conformi alla direttiva comunitaria 92/23/CEE del Consiglio delle Comunità Europee, e successive modifiche, ovvero quelli che rispettino il corrispondente regolamento Unece muniti del previsto marchio di omologazione. I mezzi antisdrucciolevoli impiegabili in alternativa ai pneumatici invernali sono quelli di cui al decreto del ministro delle infrastrutture e dei trasporti 10 maggio 2011- norme concernenti i dispositivi supplementari di aderenza per i pneumatici degli autoveicoli di categoria M1, N1, O1 e O2. Sono altresì ammessi quelli rispondenti alla Onorm V5119 per i veicoli delle categorie M, N e O superiori, così come è fatto salvo l’impiego dei dispositivi già in dotazione, purché rispondenti a quanto previsto dal decreto del ministro delle infrastrutture e dei trasporti 13 marzo 2002 – norme concernenti le catene da neve destinate all’impiego su veicoli della categoria M1.

Catene a bordo I dispositivi antisdrucciolevoli da tenere a bordo devono essere compatibili con gli pneumatici del veicolo su cui devono essere installati e, in caso di impiego, devono essere seguite le istruzioni di installazione fornite dai costruttori del veicolo e del dispositivo. L’ordinanza invita anche tutti i conducenti di veicoli a rispettare ogni misura precauzionale in caso di precipitazioni nevose che alterino le normali condizioni delle strade suindicate, al fine di non provocare situazioni di pericolo o intralcio alla circolazione, salvaguardando la sicurezza stradale. Gli automobilisti in transito sulle strade provinciali e regionali devono porre prudenza nella guida, in particolare in caso di condizioni metereologiche avverse, con riguardo alla regolazione della velocità in relazione allo stato del veicolo, alle caratteristiche e alle condizioni delle strade anzidette e del traffico e ad ogni altra circostanza di qualsiasi natura, affinché sia evitato ogni pericolo  per la sicurezza delle persone e delle cose ed ogni altra causa di disordine per la circolazione. Gli stessi automobilisti debbono accertarsi, prima di mettersi in viaggio, sullo stato di transitabilità delle strade e dei limiti di percorribilità tramite i normali mezzi d’informazione. Devono inoltre verificare l’idoneità e lo stato dei mezzi antisdrucciolevoli utilizzati, il percorso che dovrà essere fatto, astenendosi qualora gli stessi non siano idonei a procedere. Gli automobilisti non devono abbandonare il proprio veicolo in posizioni che possano costituire pericolo o intralcio ai mezzi di soccorso, ai mezzi spazzaneve e per ogni altro utente della strada.

Questo l’elenco delle strade dove vige l’obbligo:

SP 001 – Tuderte Narnese

SP 004 – Arronese (1° Tratto)

SP 004 – Arronese (2° Tratto)

SP 006 – Magliansabina

SP 008 – Amelia-Orte

SP 009 – Tuderte Amerina

SP 009 – Tuderte Amerina

SP 010 – Teverina

SP 011 – Todi-Orte (1° Tratto)

SP 011 – Todi-Orte (2° Tratto)

SP 012 – Bagnorese

SP 013 – Bolsenese

SP 015 – Piegarese

SP 016 – di Stroncone

SP 017 – di Polino

SP 018 – Calvese

SP 020 – Narni-S. Urbano

SP 021 – S. Urbano-Vasciano-Bivio Vascigliano

SP 022 – Carsulana

SP 024 – Maratta

SP 028 – di Neramontoro per Montoro

SP 029 – Capitonese

SP 030 – di Alviano

SP 031 – di Giove

SP 032 – Pennese

SP 033 – Lugnano-Attigliano

SP 034 – Montecchio per Todi

SP 035 – Stazione di Montecastrilli (1° Tratto)

SP 037 – Montecastrilli-Avigliano-Melezzole

SP 038 – Sambucetole-Castel dell’Aquila

SP 039 – Sismanese

SP 041 – Sette Valli

SP 042 – di Arcone

SP 043 – Segheria Sferracavallo

SP 044 – del Piano

SP 045 – Castel Giorgio-Castel Viscardo-Piano

SP 045 – Castel Giorgio-Castel Viscardo-Piano

SP 045 – Variante al C. A. di Castel Viscardo

SP 046 – Tordimonte

SP 047 – Torrealfina

SP 048 – per Allerona Scalo

SP 049 – Allerona-Allerona Scalo

SP 050 – Osteriaccia

SP 050 – Osteriaccia

SP 051 – della Sala

SP 052 – Fabro-Parrano (1° Tratto)

SP 054 – Bonifica Ficulle Scalo

SP 055 – di Porano

SP 056 – Orvieto Scalo-Sferracavallo

SP 057 – Pornellese-Montegiove-Montegabbione

SP 058 – Montegabbione-Bivio SP 052 (Fabro-Parrano)

SP 059 – Montegabbione-Piegaro

SP 060 – Montegabbione-Monteleone d’Orvieto

SP 061 – San Venanzo-Fratta Todina

SP 062 – della Stazione di Piediluco

SP 063 – dei Prati di Stroncone

SP 064 – dell’Aia

SP 065 – di Santa Lucia

SP 066 – di Collebertone

SP 067 – Valserra

SP 068 – di San Mamiliano (2° Tratto)

SP 071 – Calvi-Otricoli

SP 074 – di Ferentillo-Castellonalto

SP 076 – di Ancaiano

SP 080 – della Fonte di Sangemini

SP 081 – Camporotondo

SP 082 – Farnetta

SP 083 – Camerata

SP 084 – Penna per Orte

SP 085 – Porchiano del Monte

SP 086 – Porchiano del Monte Attigliano

SP 088 – di Cordigliano

SP 089 – di Petroro

SP 090 – di Civitella

SP 091 – Amelia-Sambucetole

SP 092 – di S. Bartolomeo

SP 093 – di Mignattaro

SP 097 – Casigliano-Collesecco

SP 098 – Stazione Baschi-Sermugnano

SP 099 – ex Aeroporto (1° Tratto)

SP 104 – Frattaguida

SP 105 – per San Vito

SP 106 – del Casello Autostradale di Orte

SP 107 – Viceno

SP 108 – Fabro-Allerona Scalo

SP 110 – ex SS 317 per Masciano (vecchia sede)

SP 111 – dell’Abbadia

SP 112 – Castel di Fiori

SP 113 – ex SS 003 bis Tiberina (vecchia sede)

SP 113 – ex SS 003 bis Tiberina (vecchia sede)

I commenti sono chiusi.