Currently set to Index
Currently set to Follow
martedì 7 febbraio - Aggiornato alle 12:55

Variante sud-ovest Terni, affidato progetto fattibilità: c’è intesa tra Regione e Comune

Protocollo sottoscritto lunedì a Palazzo Spada: primo passo per il finanziamento da 50 milioni

Passi avanti verso la variante sud-ovest a Terni. Lunedì mattina a Palazzo Spada è stato sottoscritto il protocollo d’intesa tra Regione Umbria e il Comune di Terni con l’affidamento a Sintagma del Progetto di fattibilità tecnico economica. «Un progetto fondamentale per la Terni del domani – ha detto il sindaco Leonardo Latini -, che ridisegna completamente l’ingresso da Sud».

Variante sud-ovest L’intervento «potrà realizzarsi grazie al finanziamento di 50 milioni a valere sulle risorse del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (Fsc) 2021-2027 – si legge nel protocollo d’intesa – che potrà essere messo definitivamente a disposizione della Regione Umbria dopo la presentazione del Progetto di fattibilità tecnica ed economica. L’intervento infatti è stato individuato come Opera Bandiera di cui alle ‘Proposte per il finanziamento di investimenti prioritari coerenti con le strategia nazionali’, redatte dal Mims e dalla Struttura Tecnica di Missione, che potrà essere attuato con il sostegno delle risorse del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2021-2027 al raggiungimento del grado di maturità progettuale necessario per l’accesso al Fondo. La copertura finanziaria del Pfte è garantita a valere su risorse regionali». Quello di lunedì è infatti «il primo passo per il finanziamento da 50 milioni necessari per la realizzazione di tutti gli stralci di questa grande opera».

Protocollo d’intesa Per la Regione dell’Umbria è intervenuto l’assessore alle Infrastrutture Enrico Melasecche che ha sottolineato la strategicità dell’intervento. Alla firma dell’atto hanno partecipato il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici Benedetta Salvati, i tecnici regionali e comunali. «Le città crescono, con i loro progetti di sviluppo, se di pari passo crescono anche le infrastrutture viarie – ha commentato il sindaco Latini -. In questo caso la variante andrà a sostenere aree strategiche dal punto di vista industriale, liberando la viabilità urbana specie nel quartiere intorno all’ex Polymer, e sosterrà anche il progetto sul quale siamo impegnati dall’inizio della consiliatura per la grande area dedicata allo sport al Foro Boario e allo stadio comunale. Si tratta di una progettualità impegnativa con una tempistica serrata, ma sono sfide alle quali siamo ormai abituati e che di norma vinciamo».

 

I commenti sono chiusi.