Currently set to Index
Currently set to Follow
giovedì 15 aprile - Aggiornato alle 01:08

Vaccino AstraZeneca, andrà a over 60. In Umbria 27 mila più giovani aspettano seconda dose

Finora oltre 32 mila somministrazioni. Due terzi a donne, domina il personale scolastico. Nessun evento grave segnalato

Dosi di AstraZeneca

di Iv. Por.

Il vaccino anti Covid AstraZeneca viene raccomandato solo per persone al di sopra dei 60 anni, anche se non è vietato per quelle più giovani. Lo ha deciso il governo italiano in accordo con Aifa, l’autorità italiana del farmaco, alla luce delle nuove conclusioni dell’Ema, sua omologa europea, alla luce dei pur rari eventi avversi accaduti successivamente all’inoculazione. Il ministro Speranza fa sapere che predisporrà una circolare che «conterrà una raccomandazione di somministrare AstraZeneca sopra i 60 anni, in linea con quanto deciso da altri paesi Ue». Nella serata di mercoledì, il commissario all’emergenza Figliuolo ha incontrato per via telematica i rappresentanti delle Regioni, tra cui l’Umbria. Ovvio che ne deriva una rimodulazione della già difficile campagna vaccinale con ripercussioni possibili sulle tempistiche. Giovedì mattina, nella consueta conferenza stampa, la Regione Umbria dovrebbe chiarire le nuove strategie.

INTERATTIVO: VACCINI IN UMBRIA GIORNO PER GIORNO

Quanti vaccinati? In Umbria, finora ad essere stati vaccinate con AstraZeneca sono state 32.444 persone, di cui 20.184 femmine e 12.260 maschi. Ovviamente si tratta di tutte prime dosi, dato che la seconda viene inoculata non prima di 12 settimane. La Regione sottolinea come nessun evento averso di particolare gravità è stato finora segnalato. Gli over 60 a cui è stato inoculato AstraZeneca sono al momento 5.668. Dunque, 26.776 sono quelli con meno di 60 anni e per loro ora si porrà la questione delle seconde dosi anche se, come è stato specificato da Aifa in serata, non c’è nessun motivo per non essere somministrata data l’esiguità del rischio.

Fasce di età Guardando alle fasce di età, a ricevere più dosi di AstraZeneca sono state quelle 50-59 anni con 10.861 e 40-49 anni con 8.306. I 60enni sono stati 5.330 mentre solo 337 dosi sono state inoculate a 70enni e una sola a un ultra 80enne stando ai dati ministeriali. Scendendo tra i più giovani, quelli a cui si guarda con maggiore attenzione ora e che potrebbero essere esclusi dal vaccino AstraZeneca, al momento sono poco meno di 8 mila gli umbri under 40 vaccinati, di cui 22 tra 16 e 19 anni, 2.923 nella fascia 20-29 e 4.664 in quella 30-39. Anche qui, la maggioranza sono di sesso femminile: 4.785.

Categorie Tra le categorie, la gran parte delle dosi è andata al personale scolastico: 18.359. Seguono il “personale non sanitario” ovvero quegli addetti delle strutture sanitarie che non fanno parte di medici, infermieri e Oss con 4.010 dosi, poi le forze dell’ordine e vigili del fuoco con 3.221, operatori sanitari con 1.999 e in 183 casi a personale delle Rsa. Ci sono inoltre 4.672 rientrati nella categoria “altro” ovvero quelli dei cosiddetti servizi essenziali che tanto hanno fatto discutere come gli operatori della giustizia, le pompe funebri.

 

I commenti sono chiusi.