Currently set to Index
Currently set to Follow
martedì 27 settembre - Aggiornato alle 23:44

Vaccino anti tumore: passi avanti della ricerca, efficace con quello al colon

La scoperta è stata illustrata in uno studio pubblicato su Science Translational Medicine

E’ stato osservato come in diverse occasioni, dopo la terapia antitumorale al colon, si ripresentassero cellule tumorali, anche più aggressive di quelle precedenti. E’ stata una delle tante ragioni che ha spinto ulteriormente la ricerca che ha portato al risultato di un vaccino contro il cancro. Attualmente studiato per il tumore al colon, ma con caratteristiche valide a essere esteso ad altre forme. Il vaccino funzionerebbe ad istruire il sistema immunitario funzionando da esca, in modo che all’arrivo della cellula tumorale possa essere più prontamente riconosciuta e neutralizzata. Ridurre quindi la capacità di sfuggire della cellula tumorale al sistema immunitario.

Approfondimento È quanto hanno scoperto ricercatori Armenise-Harvard di immunoregolazione presso l’Italian Institute for Genomic Medicine (IIGM) con sede presso l’Irccs Fondazione del Piemonte per l’Oncologia di Candiolo, che hanno anche svelato le modalità con cui il vaccino agisce. La scoperta è stata illustrata in uno studio pubblicato su Science Translational Medicine e realizzato in collaborazione con la biotech svizzero/italiana Nouscom. Lo studio ha dimostrato un soddisfacente grado di efficacia combinato a un farmaco immunoterapico su 12 pazienti. «Considerato che la tecnica per realizzare questi vaccini è decisamente collaudata e che i dati ottenuti nella prima sperimentazione clinica sono molto promettenti, si prospetta la concreta possibilità di creare nuovi vaccini efficaci contro molti altri tipi di cancro», ha detto all’Ansa Luigia Pace, direttrice del laboratorio di immunoregolazione Armenise-Harvard.

I commenti sono chiusi.