venerdì 21 giugno - Aggiornato alle 01:19

Turismo, olandese la prima ‘antenna’ attivata dalla Regione. McCurry, mostra prorogata

L'immagine simbolo della mostra

di D.B.

Sarà olandese la prima delle ‘antenne’ che la Regione ha deciso di attivare in quei mercati turistici che vengono considerati strategici. Tra questi c’è l’area dei Paesi bassi e del Belgio e così, attraverso una selezione, il servizio è stato affidato all’agenzia Tmc – tourism marketing concepts di Amsterdam. L’attivazione di una serie di queste antenne è una strategia contenuta all’interno dell’ultimo Piano triennale del turismo dove, oltre ai paesi già citati, mercati chiave vengono considerati anche Lussemburgo, Inghilterra e Stati Uniti. Qui serve esserci in modo più presente e così, attraverso realtà come uffici stampa e agenzie di comunicazione, bisognerà essere «in grado di mantenere sempre viva l’attenzione e di svolgere attività di lobbing». Il lavoro dovrebbe essere fatto anche per Cina e Brasile e su ognuna di queste ‘antenne’ si investirebbe 100 mila euro. La presentazione di obiettivi e modalità dell’iniziativa, almeno per quanto riguarda Olanda e Belgio, ci sarà martedì alle all’ex Fatebenefratelli di Perugia.

Sensational fino a gennaio Gli stessi spazi che ospitano la mostra «Sensational Umbria» di Steve McCurry che la Regione ha deciso di prorogare fino all’11 gennaio. I cento scatti che raccontano il viaggio in Umbria del fotografo americano avrebbero dovuto rimanere in esposizione fino a domenica ma «in considerazione del successo dell’esposizione e delle richieste pervenute in questo periodo – spiega palazzo Donini in un comunicato -, in vista anche dei passaggi cruciali per la candidatura di Perugia a capitale europea della cultura per il 2019», si è deciso il prolungamento. Il 9 McCurry (al quale la Regione recentemente ha affidato la realizzazione di altri 45 scatti con un investimento di 70 mila euro) sarà in città insieme alla presidente Marini e all’assessore al Turismo Bracco per spiegare i risultati finora ottenuti dal progetto «Sensational Umbria».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.