Currently set to Index
Currently set to Follow
giovedì 15 aprile - Aggiornato alle 00:37

Tulipano, parete ventilata ed effetti cromatici ricercati: «Preparatevi a vederlo senza gru»

Umbria24 fino al super-attico del 22esimo piano dell’edificio più alto dell’Umbria: 90 metri e 470 scalini, ecco cosa ospiterà

di Marta Rosati

Al piano terra negozi, al primo piano uffici, dal secondo al settimo saranno spazi adibiti ad albergo residenziale e dall’ottavo in poi appartamenti in vendita e il prezzo varia da 1.600 ai 2.000 euro al metro quadrato a seconda del piano. Fino al 12esimo piano, hanno la stessa metratura e sono quattro poi gli appartamenti iniziano a differenziarsi: i piani più alti hanno solo due appartamenti quindi sono più ampi. Prende forma, anzi forse sarebbe il caso di dire sostanza, il Tulipano dell’era Marcangeli.

FOTOGALLERY

VIDEO

Tulipano Terni Una porzione della superficie complessiva (23 mila mq circa) è già venduta all’Arpa, 935 mq, che amplia così la sede ternana nella stessa area di via Dalla Chiesa. A piano terra oltre al ‘bar Tulipano’, come è stata ironicamente denominta l’area ristoro degli operai fatta di distributori automatici, si scorgono le insegne dei vecchi negozi che per un periodo lì hanno trovato sede e a dirla tutta fa un certo effetto vedere le foto di cellulari con le antenne, o cartelloni pubblicitari di walkman per audiocassette, un vero e proprio tuffo negli anni 80 che via via si perde salendo e soprattutto avendo accesso agli appartamenti: pavimentati, con sanitari e infissi installati e nuovi parapetti in doppio vetro ai balconi «per dare sicurezza ma senza disturbare la vista garantita dalle ampie vetrate». A spiegarlo sono Giunio e Claudio Marcangeli che, dopo il viaggio nei sotterranei della fontana di piazza Tacito, accompagnano Umbria24 fino in cima al grattacielo più alto dell’Umbria, dove la vista è davvero mozzafiato. Potendo affacciarsi su tutti e quattro i lati si vedono Colleluna, villa Santo Spirito, Villa Palma, Collescipoli, l’acciaieria, la rocca di Narni, le collinette baciate dal sole che fa l’occhiolino tra le nubi e molto altro ancora. L’esperienza vale i 470 scalini.

Marcangeli Edificato nel lontano 1980, il Tulipano di Terni tra patti non rispettati, impegni disattesi e fallimenti, è stato acuistato all’asta dal ternano Giunio Marcangeli nel settembre del 2019 e ad aprile 2021 i lavori sono già ad uno stato avanzato. La città può prepararsi a vederlo presto senza ponteggi né gru. Sorprendente come l’impresa di costruzioni, non abbia dovuto fare interventi antisismici: un buon punto di partenza. Quanto alle soluzioni energetiche del caso, Marcangeli propone la parete ventilata all’esterno dell’edificio e giacché l’occhio vuole la sua parte, ecco l’annuncio: «L’effetto cromatico sarà molto interessante».

 

I commenti sono chiusi.