domenica 16 giugno - Aggiornato alle 05:19

Trenta rievocazioni storiche dell’Umbria si uniscono: «Per promuovere e conservare»

Dalle Gaite di Bevagna alla Giostra dell’Arme di San Gemini: firmato l’atto costitutivo dell’associazione

-© Fabrizio Troccoli

Unite in un’unica associazione le maggiori rievocazioni storiche dell’Umbria. Obiettivo dichiarato è la promozione del patrimonio che manifestazioni come il Mercato delle Gaite di Bevagna, il Calendimaggio di Assisi e la Giosta dell’Arme di San Gemini custodiscono. La firma dell’atto costitutivo dell’associazione umbra delle rievocazione storiche è avvenuta ad Amelia e ha coinvolto una trentina di enti che scommettono sul coordinamento per valorizzare il circuito delle manifestazioni che anima le due province umbre in primavera ed estate.

A confluire nell’associazione anche il Palio delle barche di Passignano sul Trasimeno e la più recente Perugia 1416 nella convinzione che «il racconto della storia, la rievocazione e la memoria delle tradizioni sono una delle principali attività della vita sociale delle comunità, in questo senso lo scopo è tutelare questi tratti di forte valenza identitaria, per rendere fruibile a cittadini e turisti le eccellenze architettoniche e artistiche, paesaggistiche e produttive dei centri storici coinvolti. Con la promozione della ricerca storica e della tutela dei documenti che testimoniano, raccontano e rappresentano le radici e la cultura delle singole comunità, l’associazione umbra rievocazioni storiche punta a stimolare lo sviluppo turistico di alta qualità di una regione che ha ancora molto da offrire ai visitatori nazionali ed internazionali». A giorni è attesa anche la sottoscrizione della ‘Giostra della Quintana’ di Foligno.

A firmare l’atto costitutivo sono state anche la Festa del Rinascimento di Acquasparta, Palio dei Colombi di Amelia, Calendimaggio di Assisi, Palio de San Michele di Bastia Umbra, Mercato delle Gaite di Bevagna, Festeggiamenti in onore di San Pancrazio di Calvi dell’Umbria, Palio del fantasma di Castel Ritaldi, Palio dei Terzieri-Caccia del toro e Epoche in passerella di Città della Pieve, Le rocche raccontano di Ferentillo, la Festa degli statuti di Fossato di Vico, il Festival internazionale del folklore di Giove, i Giochi de le porte di Gualdo Tadino, il Festival del Medioevo di Gubbio, il Palio dell’Assunta di Lugnano in Teverina, il Palio di San Giovanni di Marsciano, la Fuga del Bove di Montefalco, la Festa di San Bernardino di Montefranco, il Corteo storico degli illuminari e Palio del Carro di Monteleone di Orvieto, la Donazione della Santa Spina di Montone, il Palio dei quartieri di Nocera Umbra, Ludi alla fortezza di Orvieto, Palio delle barche di Passignano sul Trasimeno, Perugia 1416 del capoluogo, Giostra dell’Arme di San Gemini, J’Angeli 800-Palio del cupolone di Santa Maria degli Angeli, Il Giardino di Matisse di Scheggino, la Disfida di San Fortunato di Todi, il Palio dei terzieri-Ottobre trevano di Trevi, Tuoro 217 a.C.-Tiro alla biga di Tuoro sul Trasimeno e la Festa d’autunno – Giostra d’Italia di Valfabbrica.

I commenti sono chiusi.