Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 8 agosto - Aggiornato alle 21:15

Terzo settore e volontariato: via al bando da 1,2 milioni per la lotta a povertà, marginalità e drammi sociali

Ecco tutti i soggetti che possono accedere, quali progetti formulare e come presentare domanda

Via al bando da 1,2 milioni rivolti alle associazioni, al volontariato, al terzo settore per progetto di lotta alla povertà, marginalità e per il contrasto ai drammi sociali e ala solitudine. Le risorse sono stanziate tramite un decreto del ministero del lavoro.

 

I progetti Queste le tematiche nell’ambito delle quali potranno essere presentati i progetti: Porre fine ad ogni forma di povertà: ridurre la loro esposizione e vulnerabilità, promuovere attività di recupero delle eccedenze alimentari, anticipare e individuare situazioni di fragilità  di minori, anziani soli, persone non autonome in situazioni di precarietà economica, contrastare le solitudini involontarie attraverso iniziative e percorsi di coinvolgimento attivo e partecipato. Sviluppo della cultura del volontariato, in particolare tra i giovani, promozione di programmi e/o attività di educazione alimentare, la promozione e sviluppo della cultura della salute e della prevenzione, anche con riferimento al tema degli incidenti stradali, promozione dell’attività sportiva, rafforzamento della prevenzione dell’uso di sostanze stupefacenti e del consumo nocivo di alcol, sostegno scolastico al di fuori dell’orario scolastico ed extrascolastico, sviluppo di forme di welfare generativo di comunità anche attraverso il coinvolgimento attivo e partecipato in attività di utilità sociale dei soggetti che beneficiano di prestazioni di integrazione e sostegno al reddito.

Info di servizio Per la presentazione dei progetti dovrà essere utilizzata la modulistica allegata all’avviso e che sarà disponibile sul sito wwww.regione.umbria.it (canale trasparenza). Le domande dovranno essere presentate entro e non oltre le ore 23,59 del 20 settembre 2022, all’indirizzo PEC direzionesanità[email protected] e contestualmente all’indirizzo [email protected] Possono partecipare al progetto i seguenti enti del Terzo settore: Organizzazioni di volontariato (ODV), associazioni di promozione sociale (APS), Fondazioni del Terzo settore. I soggetti che potranno essere coinvolti nell’attuazione del progetto possono agire in qualità di: Associazione Temporanea di Scopo (ATS), partner, collaboratori.

I commenti sono chiusi.