Currently set to Index
Currently set to Follow
sabato 28 gennaio - Aggiornato alle 10:21

Terni, via al nuovo censimento della popolazione: oltre 4 mila le famiglie interessate

Venticinque persone pronte ad aiutare i cittadini. L’appello del Comune: «Collaborate, se siete chiamati a farlo»

di M.S.G.

Via al nuovo censimento della popolazione. A Terni le operazioni censuarie, coordinate dall’Ufficio Statistica del Comune, sono già iniziate da tempo e a partire dai primi di ottobre scenderanno in campo 25 rilevatori che, muniti di tablet, batteranno a tappeto alcune zone del territorio comunale per censire edifici, abitazioni e famiglie. Questo censimento sarà interamente informatizzato e non saranno utilizzati come in passato modelli cartacei. I rilevatori saranno facilmente identificabili dal cartellino di riconoscimento.  Le famiglie coinvolte saranno tenute per obbligo di legge a rispondere ai quesiti del questionario: «Partecipare al Censimento è un obbligo di legge, ma anche un’importante opportunità» commentano dagli uffici comunali.

Migliaia di famiglie coinvolte Quest’anno (2022) saranno circa 4.000 le famiglie ternane chiamate a fornire per legge i dati richiesti. Un campione ritenunto rappresentativo. Compilazioni online ma per chi avesse bisogno di aiuto sono pronte 25 persone, appositamente formate e con tesserino di riconoscimento ben visibile, che gireranno le varie zone della città fornendo un supporto a coloro che non hanno particolare dimestichezza con la tecnologia. I rilevatori sono stati scelti dopo aver partecipato ad un bando pubblico, anche se, come dichiarato dalla responsabile del Comune Simona Coccetta: «Non è stato facile trovarli». Umbria24 incalza sulla opportunità di rivolgersi per questa ‘missione’ ai percettori di Reddito di cittadinanza. E Coccetta: «Non ci abbiamo pensato e non so se l’Istat lo avrebbe autorizzato».

Censimento 2022 Le lettere dell’Istituto di statistica stanno già arrivando ai selezionati per l’anno 2022. In totale, su scala nazionale, partecipano al Censimento 1 milione 325.995 famiglie in 2.531 Comuni. Operazioni al via dal 3 ottobre per quello che si propone, come sempre dal 2018, un censimento ‘permanente’, ovvero svolto ogni anno e non come in passato a ogni decennio con la differenza che allora era coinvolta la totalità dei cittadini, oggi i campioni rappresentativi, scelti secondo criteri tesi a garantire dati riferibili all’intera popolazione.

Come compilare il censimento Chi ha già ricevuto una lettera nominativa direttamente dall’Istat può compilare un questionario online registrandosi autonomamente sul sito Istat, appositamente predisposto a livello nazionale, oppure può attendere di essere contattati da uno dei rilevatori comunali per effettuare l’intervista direttamente presso la loro abitazione, telefonicamente o negli uffici del comune. Altre famiglie, che parteciperanno alla fase così detta ‘Areale’ troveranno nelle cassette delle lettere o negli androni dei palazzi delle locandine che avviseranno del passaggio del rilevatore per raccogliere informazioni sulle abitazioni e per intervistare le famiglie dimoranti negli alloggi. A livello nazionale è partita una campagna di comunicazione e informazione predisposta dall’Istat per promuovere il censimento e già in questi giorni saranno trasmessi degli spot su tutte le reti nazionali e sui social. Sebbene molte famiglie lo scorso anno abbiano provveduto tempestivamente a compilare il questionario, sia autonomamente che con il rilevatore, adempiendo a questo obbligo di legge, allo stesso tempo c’è stato, anche nella nostra città un numero considerevole di famiglie che per diversi motivi, non ha risposto né on line né ai rilevatori o ai solleciti del comune.

Come chiedere maggiori informazioni L’appello del Comune è ‘collaborare, se chiamati a farlo’, privilegiando la compilazione autonoma sul sito dell’Istat o se si riscontrano difficoltà attendere i rilevatori comunali. Per le famiglie che invece non vorranno effettuare l’intervista a domicilio dal 3 ottobre sarà attivo a Palazzo Spada, per assistenza, informazioni e per la compilazione del questionario il Centro Comunale di Rilevazione (aperto dal lunedì al venerdì 9-13 e martedì e giovedì anche dalle 15,30 alle 18). Sempre dal 3 ottobre gli interessati potranno telefonare per informazioni ai numeri: 0744-549666- 669 o scrivere a [email protected]

I rilevatori I rilevatori che saranno incaricati di contattare le famiglie ed effettuare la rilevazione sul campo fanno parte di un’apposita graduatoria, hanno partecipato ad una complessa formazione on line. Giovedì 29 hanno partecipato ad un incontro preliminare con il personale dell’ufficio di statistica, i per definire i dettagli tecnici e formalizzare l’incarico. I profili selezionati per le operazioni censuarie sono 25 in prevalenza di sesso femminile. Vivono quasi tutti in città, hanno un’età media di 43 anni ma c’è un rilevatore che ha quasi 63 anni, mentre il più giovane ne ha 25. Saranno guidaati da due coordinatrici che hanno già avuto esperienza nelle edizioni passate.
Sono per lo più laureati e soltanto 8 diplomati.  Prima di diventare rilevatori, nelle scorse settimane hanno portato a termine una formazione obbligatoria e superato il test finale.

I commenti sono chiusi.