giovedì 18 luglio - Aggiornato alle 02:38

Terni, sospesa l’ordinanza antinquinamento: «Misura tampone, puntiamo a soluzioni strutturali»

Il sindaco Latini annuncia lo stop al provvedimento per auto e camini: «Il 21 marzo incontro sul Piano Urbano della Mobilità Sostenibile»

©Fabrizio Troccoli

Stop all’ordinanza antinquinamento fino a nuovo ordine. Così ha deciso il sindaco di Terni Leonardo Latini, firmando un documento che vale da domenica 17 marzo in avanti. Le centraline di monitoraggio della rete regionale della qualità dell’aria hanno infatti registrato negli ultimi sette giorni concentrazioni di Pm10 accettabili e le previsioni per i prossimi giorni non fanno prevedere situazioni peggiorative.

Climate change «La tutela della salute dei cittadini e la riduzione delle emissioni inquinanti nell’aria – spiega il sindaco Latini in una nota – restano una priorità della nostra amministrazione. L’ordinanza sulla limitazione del traffico è sospesa. Ma questa ordinanza è solo una delle misure che abbiamo preso a tutela dei cittadini e contro l’inquinamento: ci auguriamo che potrà presto essere sostituita da soluzioni strutturali».

Il piano di mobilità E su questo fronte il Comune annuncia che a breve ci sarà un incontro sul fronte del Piano della Mobilità Sostenibile, un progetto che punta a rivedere le dinamiche del traffico in città. «A dimostrazione – prosegue il sindaco – che queste non sono solo parole e proprio perché credo sia giusto e necessario prendere impegni concreti nei confronti delle giovani generazioni, colgo l’occasione per anticipare che insieme all’assessore all’Ambiente Benedetta Salvati abbiamo organizzato per giovedì 21 marzo un incontro sul Piano della Mobilità Sostenibile di Terni e Narni. Sarà un’occasione importante di lavoro e di confronto tra i tecnici, i progettisti, gli amministratori e i cittadini per rendere al più presto operativo un piano che ha l’obiettivo di ridurre l’inquinamento da traffico in tutto il territorio della conca ternana. Su questi temi non si può infatti continuare a intervenire con soluzioni tampone ma serve una progettazione seria che corrisponda a una visione d’insieme».

I commenti sono chiusi.